spot_img
spot_img
HomeNotizieAlluvione, il governo abbandona...

Alluvione, il governo abbandona l’Emilia Romagna
A

“Dopo la fugace apparizione della presidente Meloni a favore delle telecamere, in Emilia Romagna non è arrivato un euro. E nulla sembra smuovere la coscienza di questo governo, neppure i video dei cittadini disperati che hanno perso tutto e che chiedono di essere ascoltati ed aiutati. Però il tempo per il revisionismo storico lo trovano, per mettere le risorse necessarie alla ricostruzione no”: le parole di Debora Serracchiani fotografano perfettamente la situazione politica italiana, dove gli esponenti della destra continuano in una sorta di processo di revisione storica (l’ultima, appunto, è la dichiarazione del portavoce della Regione Lazio sulla strage di Bologna), mentre nel governo tutto è immobile e nessuno si occupa dei problemi degli italiani.

“Le loro emergenze sono i rave, le ong, la carne sintetica, gli stipendi dei manager. Gli alluvionati possono aspettare, che vergogna”, osserva Marco Furfaro, che sottolinea come il governo abbia stanziato metà delle risorse che servirebbero, mentre “ha promesso a cittadini e imprese il 100% di rimborsi” ed ancora non è arrivato un solo euro.

A rincarare la dose è Marina Sereni: “Famiglie, amministratori locali, imprenditori stanno aspettando dopo settimane e mesi che le risorse promesse arrivino finalmente ai destinatari. Se non si interviene ora per risistemare le strade e le zone colpite dalle frane poi, quando finirà il caldo e tornerà la pioggia, sarà troppo tardi. Se non si interviene subito per dare il 100 per cento dei ristori alle famiglie e alle aziende molte realtà andranno in crisi in modo irreversibile”.

Sereni si chiede come sia possibile che “la presidente Meloni si sia così presto dimenticata dell’Emilia-Romagna locomotiva d’Italia”.
“Possibile – aggiunge – che dopo le passerelle e le conferenze stampa presidente del Consiglio e ministri si siano dimenticati gli impegni presi con la Regione e le comunità interessate? Non c’è più tempo per aspettare, si diano subito i fondi necessari e si faccia finalmente partire la macchina della ricostruzione”.

Sulla stessa linea anche la parlamentare Irene Manzi, sottolinea le promesse disattese : “E’ una vergogna che i comuni colpiti, le imprese e le famiglie non abbiano ricevuto le risorse promesse. La ricostruzione è ferma per mancanza di fondi. Hanno passato due mesi a decidere sul commissario per la ricostruzione e adesso si sono dati alla macchia, lasciano soli interi territori”.

Ultimi articoli

Correlati

Impennata dei minori detenuti, la giustizia minorile non meritava il dl Caivano

Presentato il settimo rapporto Antigone sulla giustizia minorile, che da rieducativa diventa sempre più punitiva: "politica perdente"

Al via finalmente il processo Regeni: una giornata importante

Noi continuiamo a stare a fianco della famiglia nella ricerca di verità e giustizia
00:54:55

Direzione Pd, la relazione di Elly Schlein: “Senza di noi nessuna alternativa alla destra”

Direzione nazionale del Partito Democratico, la relazione introduttiva della Segretaria Elly Schlein. Crollo Firenze: serve nuova cultura del lavoro "Il...

La sicurezza dei lavoratori prima di tutto: basta sub appalti a cascata

L'idea della segretaria dem: "Chiediamo si estenda anche al privato l'obbligo di utilizzo del contratto edile"

Sensi: “La morte di Navalny come il delitto Matteotti”

"Speriamo che sia un momento di presa di consapevolezza e smuova le coscienze". Sintesi dell'intervista a Filippo Sensi su Repubblica
spot_img