spot_img
spot_img
HomeEuropa e MondoProvenzano: "Patto con Saied...

Provenzano: “Patto con Saied un’umiliazione per l’Europa. E la colpa è della premier”
P

“Io e Laura Boldrini siamo appena tornati dalla Tunisia e rischiamo di essere gli ultimi parlamentari europei ad aver avuto la possibilità di entrare nel Paese”.
 
Reduce da una missione nello Stato nordafricano Peppe Provenzano, responsabile Esteri del PD, è preoccupato. Intervistato da la Repubblica, dichiara che il divieto d’ingresso imposto a una delegazione Ue “è un fatto gravissimo, specie a due mesi dalla firma del Memorandum di intesa alla presenza di von der Leyen. Segnala un salto di qualità nella costruzione del regime attraverso una rottura con la Ue. Meloni ha trascinato l’Europa nell’umiliazione“.
 
Umiliante è aver dato legittimazione politica a un dittatore razzista che calpesta i diritti umani e che aveva già smentito quell’accordo. Per la sua ideologia e nel suo discorso di odio Saied non accetterà mai di trasformare la Tunisia nel campo profughi del vecchio continente“.
 
Per Provenzano questo “è il fallimento della strategia italiana basata sull’esternalizzazione delle frontiere e resta una macchia sulla presidente della Commissione Ue che spero abbia capito l’errore di inseguire nazionalisti come Meloni”.
 
“Eppure non dico di non parlare con la Tunisia. Dico di più: l’Europa la sostenga economicamente e socialmente, anche prescindendo dal negoziato con l’Fmi. Ma a delle condizioni: ripristino del processo democratico, rilascio dei prigionieri politici e rispetto dei diritti umani”.

Ultimi articoli

Correlati

Verso il Congresso del Pse a Roma: parliamo di Europa e futuro

L'appuntamento che lancia la campagna elettorale dei socialisti europei per le elezioni di giugno 2024

Al via finalmente il processo Regeni: una giornata importante

Noi continuiamo a stare a fianco della famiglia nella ricerca di verità e giustizia

Sensi: “La morte di Navalny come il delitto Matteotti”

"Speriamo che sia un momento di presa di consapevolezza e smuova le coscienze". Sintesi dell'intervista a Filippo Sensi su Repubblica

Schlein: “L’Italia guidi l’azione Ue per la pace in Medio Oriente”

È un errore il no del governo Meloni al riconoscimento dello Stato di Palestina. Se vogliamo una prospettiva di pace, 'due popoli, due Stati', bisogna fare sul serio
00:10:00

“Chiedere un immediato cessate il fuoco umanitario a Gaza”: il Parlamento approva la proposta del Pd

"Il cessate il fuoco umanitario è l'unico strumento per bloccare la catastrofe nella catastrofe in Medio Oriente, fermare una strage a Rafah e consentire la liberazione degli ostaggi. Ora c'è una mozione che impegna il Governo grazie alla determinazione del Pd"
spot_img