spot_img
spot_img
HomeNotizieNo a decreti elettorali,...

No a decreti elettorali, il governo Meloni voti la legge Schlein sulla sanità

La presidente Meloni governa ormai da oltre un anno e mezzo, ha fatto due leggi di bilancio e un numero imprecisato di decreti legge. E non ha mai, ripeto mai, ammesso che la sanità pubblica stia vivendo un momento di grave crisi. E non ha mai, ripeto mai, speso una parola per quei quattro milioni e mezzo di italiani che secondo l’Istat sono costretti a rinunciare alle cure perché non hanno il portafoglio abbastanza gonfio per saltare le liste d’attesa e rivolgersi al privato. E non ha mai, ripeto mai, costruito un patto con le Regioni italiane per affrontare seriamente il problema delle liste d’attesa e delle diseguaglianze crescenti tra i cittadini in materia di diritto alla salute. E non ha mai, ripeto mai, aperto un vero confronto con i sindacati di medici, infermieri e professionisti sanitari sulle condizioni di lavoro negli ospedali e nei servizi pubblici”. Lo dichiara Marina Sereni, responsabile Salute e sanità nella segreteria Pd.

“Se lo avesse fatto – continua Sereni – avrebbe evitato di continuare a  fare propaganda sul finanziamento “record” del Fondo Sanitario Nazionale, dato smentito semplicemente dalle tabelle delle sue leggi e dello stesso Documento di Economia e Finanza portato in Parlamento qualche mese fa. La spesa sanitaria sul Pil – che aveva faticosamente raggiunto il 7% con gli ultimi governi della passata legislatura – sta scendendo molto rapidamente e precipiterà al 6,2% nel 2026. Il fatto che aumenti in termini assoluti, come sempre avvenuto, non può nascondere un dato macroscopico che perfino la Corte dei Conti ha segnalato: il governo Meloni ha inaugurato una nuova stagione di tagli alla sanità!”

“E se la presidente del Consiglio avesse parlato con chi ogni giorno lavora nel SSN – prosegue Sereni – avrebbe capito che per abbattere le liste d’attesa non servono soluzioni “di emergenza”. Servono due scelte di fondo: incrementare l’investimento sulla sanità pubblica – ripeto pubblica – per raggiungere in un tempo ragionevole almeno la media europea e togliere il tetto di spesa per il personale, programmando con le Regioni un piano straordinario di assunzioni per coprire buchi e carenze e consentire ai servizi – ospedalieri e territoriali- di funzionare come si deve senza ricorrere ai gettonisti”.

“Esattamente le misure che noi proponiamo con la legge Schlein in discussione alla Camera. Perché – invece di annunciare un ennesimo decreto “elettorale” – il governo Meloni non vota con noi queste misure? Servirebbero anche per poter aprire una riflessione più ampia e strategica, e cercare una collaborazione con tutti gli attori sulle riforme di cui ha certamente bisogno la nostra sanità, di fronte ai cambiamenti demografici, all’aumento delle cronicità, agli straordinari progressi della scienza e delle tecnologie. Tutti fattori che dovrebbero spingere la politica – a cominciare da chi è al governo – a cercare strade innovative per garantire a tutti e a tutte equità e appropriatezza, cure nei tempi giusti, più vicine possibile al domicilio e al territorio. Ma fin qui dal governo Meloni abbiamo visto solo propaganda, disinteresse verso i più deboli e una spinta verso la privatizzazione strisciante della sanità. Ma nessun privato, nessuna assicurazione, per quanto costosa, potrà mai garantire alle nostre comunità equità e qualità nella tutela del diritto alla salute. Per questo – conclude l’esponente dem – difendiamo il SSN, un patrimonio straordinario di competenze e di cura che non possiamo permetterci di indebolire e distruggere”, conclude Sereni.

Il decreto che sta preparando il governo per abbattere le liste d’attesa è in arrivo in Consiglio dei ministri il prossimo 3 giugno, ma già da giorni circola l’allarme di un ulteriore definanziamento del SSN. La preoccupazione riguarda il dirottamento sui privati di fondi già assegnati in una situazione, come è noto, già molto critica. Insomma, medici e infermieri temono la beffa, oltre al danno.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da elly schlein (@ellyesse)

Ultimi articoli

Correlati

Aborto, al G7 va in scena una vergogna nazionale. Meloni si scusi

Prima ancora del suo inizio, al G7 esplode il caso sulla sparizione nella bozza del diritto all'aborto. Il governo nega di averlo cancellato, ma la tensione è alta

Decaro: “Il record di voti non l’ho visto arrivare. Il Sud punisce il governo perché non dice la verità”

Il sindaco di Bari a Repubblica: "L'unico modo che conosco per guadagnare consenso è studiare, mantenere più che promettere, cercando di dire sempre la verità"

Bonaccini: “Ha vinto la squadra. Mai il Pd così unito”

Il presidente dem a QN: "Mai come ora il Pd è stato presente nei luoghi dove si discute e ci si confronta guardando negli occhi le persone"

Schlein: “Abbiamo riportato il Pd tra la gente e restituito la speranza a chi l’aveva perduta”

Elly Schlein in una intervista a Repubblica commenta il voto delle europee parlando di risultato "straordinario"

Il Pd diventa la prima delegazione nel gruppo dei Socialisti Ue

La riunione per la costituzione del gruppo è prevista per il prossimo 25 giugno
spot_img