spot_img
spot_img
HomeDonneMori: la partecipazione paritaria...

Mori: la partecipazione paritaria delle donne è centrale, in Europa e ovunque

La partecipazione paritaria delle donne allo sviluppo economico, sociale, culturale, è questione centrale quando si ragiona di cittadinanza e democrazia europea, di riconoscimento e legittimazione delle istituzioni democratiche dell’Unione. Lo dico perché la postura ideologica della destra di attacco frontale alla libertà delle donne e alla soggettività femminile è inaccettabile e solo mettendo in sicurezza la natura fondativa dell’Europa svolgeremo un ruolo attivo di una democrazia compiuta.

A Bruxelles le donne del PSE hanno sottoscritto la Carta europea dei diritti delle donne, ovvero una guida ragionata di obiettivi e politiche da attuare a livello di Unione e di singoli Stati per conseguire la parità di genere, uno sviluppo equo e sostenibile, il rispetto dei diritti e libertà fondamentali delle persone in Europa con orizzonte globale. Pari accesso all’istruzione e ai servizi educativi, Indipendenza economica e parità retributiva, Rappresentanza paritaria, Lotta alla violenza maschile e alle molestie, Salute e diritti sessuali e riproduttivi, Politica estera femminista e gestione delle crisi: sono i capitoli di un documento che innesta la giustizia di genere in un’agenda politica realmente progressista e sociale, quella che serve oggi a ridare speranza e futuro alle giovani generazioni.

La Conferenza delle Donne Democratiche c’è, a partire dai territori mobilitati con iniziative per concorrere ad imprimere un cambiamento, responsabilizzando forze politiche progressiste, candidati e candidate ad impegnarsi per una svolta volta concreta a costruire l’Europa solidale e femminista. L’Europa che vogliamo. Anche sottoscrivendo la carta europea dei diritti delle donne.

È in atto un attacco frontale alla libertà di scelta, con affermazioni reiterate contro la 194. Se chi dirige in Rai il servizio pubblico può dire che l’interruzione volontaria di gravidanza non è un diritto, ma è un delitto, tradisce la laicità dello Stato, rinnega le leggi dello Stato, diffama le donne e le ragazze nell’esercizio di un diritto garantito dallo Stato. E questo nel pieno rispetto del pluralismo, perché pluralismo non può significare negazione dei diritti di libertà conquistati e costantemente messi in discussione. Il rischio di arretramento e di deriva sovranista è concreto, ed è nostro compito contrastarlo con un approccio collettivo, anche alla pace, partendo dal basso: per questo chiediamo la Conferenza internazionale delle donne per la Pace. Tutto questo merita una mobilitazione permanente di piazza, nelle istituzioni, casa per casa, strada per strada. E su questo le democratiche ci sono.

Su questi obiettivi crediamo che il mix di esperienze, competenze e innovazione delle candidature, possa dare una mano a realizzare la democrazia paritaria a livello europeo. E possiamo riconoscere che la sintesi individuata è frutto anche del dibattito avuto nel Coordinamento nazionale, dibattito consegnato all’attenzione della segretaria, che ne ha tenuto conto.

Ultimi articoli

Correlati

Dopo 46 anni ancora sotto attacco: la legge 194 va difesa

Il Partito Democratico riafferma il suo impegno nella difesa della legge 194, una legge che va difesa e...

“Un reddito stabile e dignitoso per la libertà delle donne. Ma la destra liscia il pelo al patriarcato”. Parla Roberta Mori

L’indipendenza finanziaria rende le donne libere dalla violenza. Intervista alla portavoce della Conferenza delle Democratiche

Giù le mani dalla 194: sul corpo delle donne decidono le donne

Difendiamo i nostri diritti contro una destra che tenta di smontare pezzo per pezzo la legge 194

Mori: la giunta FVG ignora la Costituzione e mortifica la piena cittadinanza delle donne

La doppia preferenza di genere alle elezioni non è un vezzo femminista: la democrazia è paritaria o non è
spot_img