spot_img
spot_img
HomeEuropa e MondoIl popolo palestinese non...

Il popolo palestinese non ha più tempo: cessate il fuoco subito

“Centinaia di migliaia di persone a Gaza per sopravvivere stanno cercando cibo per animali: è il fallimento dell’umanità. Abbiamo fallito tutti”. Le parole di Omar Ghrieb, policy officer Oxfam a Gaza, domenica 3 marzo nel corso della prima giornata di incontri, al Cairo, della delegazione di parlamentari italiani con le organizzazioni di cooperazione e solidarietà internazionalei, suonano definitive.

Alla delegazione organizzata dall’ Aoi (Associazione delle organizzazioni italiane di cooperazione e solidarietà internazionale), in collaborazione con Arci e Assopace Palestina, partecipa un gruppo di parlamentari Pd e di altri schieramenti,  insieme ad operatrici e operatori umanitari, dirigenti associativi, giornaliste e giornalisti. Oggi muoveranno verso il valico di Rafah, seguendo il percorso degli aiuti umanitari acquistati grazie alla raccolta fondi #EmergenzaGaza. Della delegazione fanno parte il parlamentare ed esponente della segreteria Pd Alessandro Zan insieme ai parlamentari Ouidad Bakkali, Laura Boldrini, Susanna Camusso, Sara Ferrari, Valentina Ghio, Andrea Orlando, Rachele Scarpa, Arturo Scotto e Stefano Vaccari.

La situazione va oltre ogni immaginazione“, scrive Andrea Orlando, su Fb. “Più di metà degli edifici è stato distrutto, i bombardamenti impediscono la distribuzione di aiuti e l’installazione di apparecchiature mediche. Ci sono persone che non mangiano ormai da decine di giorni, alcune si alimentano con il mangime per gli animali. Il sistema sanitario non esiste più, malati e feriti non possono essere più curati”. “ Le persone, oltre che per i bombardamenti, muoiono per questo. La grande maggioranza sono donne o bambini. I bombardamenti impediscono qualsiasi intervento di cura e di assistenza. Tutti ci chiedono solo una cosa: cessate il fuoco”.

Non c’è discussione, è evidente a tutti coloro che operano nell’area che il cessate il fuoco immediato è la precondizione necessaria per poter operare e perché gli aiuti umanitari indispensabili alla popolazione palestinese stremata, abbiano efficacia.

Il governo italiano deve dare applicazione alla mozione per il cessate il fuoco del Partito Democratico, approvata lo scorso 13 febbraio dal Parlamento, e attivarsi subito nella comunità internazionale per questo obiettivo. Non si può più aspettare, non c’è più tempo.

‘Il popolo palestinese non ha più tempo e per sopravvivere aspetta azioni concrete da parte dei governi per il cessate il fuoco immediato. Alla popolazione di Gaza manca tutto: elettricità, cibo, acqua, medicine, carburanti. Ma in questo momento è il cessate il fuoco il passo fondamentale. Senza questo non esisterà tutto il resto”, sottolinea la vicecapogruppo dem alla Camera, Valentina Ghio.

Il computo tragico delle cifre lo snocciola “Un ponte per”: “più di 30.000 morti nella Striscia, 70mila feriti, 2 milioni ormai tra persone deportate lontano dalle proprie case, quasi 1 milione di profughi ammassati al confine con l’Egitto: 2/3 del territorio della Striscia è ormai distrutto. Se non si muore per bombardamenti, proiettili e violenze, a Gaza adulti e tantissime/i minorenni sono in pericolo di vita per fame e sete, malattie, infezioni causate da condizioni igieniche insostenibili. Gli ospedali sono senza medici e approvvigionamenti sanitari. È una crisi umanitaria gravissima, un orrore per l’umanità”.

Se a Gaza non ci sarà un immediato cessate il fuoco e un incremento deciso degli aiuti umanitari, registreremo 85mila nuovi morti per traumi ed epidemie. Se invece il cessate il fuoco sarà raggiunto, possiamo aspettarcene 6mila”. Questo il quadro reso da Richard Brennan, direttore regionale per le emergenze dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) parlando al Cairo alla delegazione italiana di parlamentari, ong e giornalisti in missione.

L’appello al cessate il fuoco immediato era stato lanciato ieri anche dalla vicepresidente Usa Kamala Harris, in quello che alcuni media internazionali definiscono l’intervento più forte giunto a Israele dall’alleato americano.

“Nessuna operazione umanitaria degna di questo nome può essere portata avanti sotto le bombe e il fuoco dei cecchini. Ora più che mai – evidenzia la deputata del Pd Rachele Scarpaserve che il governo italiano dia seguito concretamente all’approvazione della mozione Pd alla Camera sul cessate il fuoco. Ogni giorno di inerzia sono centinaia di vite innocenti sacrificate”.

Ultimi articoli

Correlati

00:00:00

Ridiamo valore all’università: più diritto allo studio, meno telematiche

Un appuntamento organizzato dal Dipartimento Università e Ricerca del Pd, a cui interverrà anche la segreteria del Partito Democratico Elly Schlein

La tessera 2024 del Pd è dedicata a Enrico Berlinguer

'Casa per casa, strada per strada', è il claim scelto dal Partito democratico per la nuova campagna di tesseramento

Voto in condotta e giudizi sintetici: no alla scuola repressiva e autoritaria

Il ddl Valditara rivela un'idea repressiva e puntiva della scuola e ci riporta indietro di decenni

Strage di Cutro, vogliamo la verità

Chiediamo la piena verità e che sia fatta piena giustizia. Lo dobbiamo alle vittime, ai loro familiari e al rispetto che abbiamo per la storia di accoglienza del nostro Paese

Mahmoud: da Laboratorio di Frascati l’impulso alla partecipazione politica contro l’astensionismo

Fornire una cassetta degli attrezzi per affrontare le campagne elettorali per le europee e per le amministrative
spot_img