spot_img
spot_img
HomeElezioniElezioni in Abruzzo, il...

Elezioni in Abruzzo, il campo largo può vincere: tutto quello che c’è da sapere

Non solo elezioni europee. Questo 2024 è ricco di appuntamenti elettorali importanti. Dopo la vittoria in Sardegna con Alessandra Todde è infatti il turno dell’Abruzzo.

Le elezioni regionali si terranno il prossimo 10 marzo 2024, con i cittadini chiamati alle urne per eleggere il nuovo Presidente della Regione e rinnovare il Consiglio regionale.

La competizione vedrà due principali candidati alla presidenza: Marco Marsilio, attuale presidente in carica sostenuto da una coalizione di centrodestra e Luciano D’Amico, ex rettore dell’Università di Teramo, alla guida di una coalizione di centrosinistra.

Il candidato uscente

La storia politica e di militanza di Marsilio inizia molto presto nel Movimento sociale italiano fin dagli anni del liceo e prosegue nei movimenti studenteschi all’università. Dal 1996 al 2000 è vicepresidente di Azione Giovani, il movimento giovanile di Alleanza nazionale e consigliere comunale a Roma. Nel 2008 è eletto alla Camera dei deputati con Alleanza nazionale per poi passare a Fratelli d’Italia nel 2012. In Abruzzo mira alla rielezione con il supporto di Forza Italia, Lega e altre liste civiche.

Il candidato del campo largo

Come già sperimentato in Sardegna, anche in Abruzzo si punta sul campo largo. Una coalizione formata dal Partito Democratico e Movimento 5 Stelle insieme a varie liste civiche, sosterranno Luciano D’Amico. Questa volta, a differenza della Sardegna, anche Azione e Italia Viva sosterranno il candidato di centrosinistra.

D’Amico, abruzzese doc, è laureato nella facoltà di Economia e Commercio e ha intrapreso la carriera accademica (e non solo) arrivando a diventare Rettore dell’Università degli Studi di Teramo. È stato direttore di Arpa, società che si occupa delle autolinee regionali pubbliche della Regione Abruzzo e ha ricevuto l’onorificenza a Cavaliere dell’Ordine del merito della Repubblica italiana.

Sul suo nome non ci sono stati dubbi. E chissà che non riesca davvero nel vincere la sfida di strappare la prima regione a guida Fdi e il collegio in cui è stata eletta Giorgia Meloni.

Il sostegno di Elly Schlein

La segretaria del Pd Elly Schlein si è spesa molto in questa campagna elettorale, girando la regione in lungo e in largo, provincia per provincia, per sostenere convintamente la candidatura di D’Amico: “Siamo qui per aiutare a costruire un futuro migliore per le abruzzesi e gli abruzzesi, e nessuno può farlo meglio di Luciano D’Amico, che per tanti anni ha guidato una fabbrica di futuro quale è l’università di Teramo, che ha costruito tante opportunità per i giovani di questo territorio”.

Come si vota

I seggi saranno aperti dalle ore 7:00 alle 23:00 del 10 marzo. La legge elettorale regionale che prevede un sistema proporzionale, con soglie di sbarramento per le liste e la possibilità di attribuire una maggioranza di seggi al candidato presidente vincitore. Non sarà possibile esprimere un voto disgiunto tra candidato presidente e lista circoscrizionale.

I sondaggi pre-elettorali indicano una situazione di equilibrio tra i due candidati principali, con le forze in campo che si preparano a una sfida elettorale molto sentita. La partita appare aperta e molto dipenderà dalle strategie e dalla capacità di mobilitazione delle diverse coalizioni.

Ultimi articoli

Correlati

Prevenzione e lotta al cancro, le proposte del Pd

Scienza e politica siano sempre alleate per la salute e il benessere dei cittadini

Giù le mani dalla 194: sul corpo delle donne decidono le donne

Difendiamo i nostri diritti contro una destra che tenta di smontare pezzo per pezzo la legge 194

Europee 2024, Elly Schlein lancia la nuova campagna del PD

La segretaria dem incontra la stampa estera e presenta la campagna verso le elezioni europee 2024

Riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario: una sperimentazione che funziona

"Io sono favorevole a prevedere strumenti per incentivare la contrattazione collettiva e aziendale per la sperimentazione della riduzione...

L’aborto nella Carta dei diritti Ue, la destra vota contro e si schiera contro i diritti delle donne

Il diritto all'aborto sia aggiunto alla Carta dei diritti fondamentali dell'Ue: è quanto chiede l'Eurocamera. La destra vota contro
spot_img