spot_img
spot_img
HomeTerzo settoreWelfare, PD: ripartire dalla...

Welfare, PD: ripartire dalla promozione umana

Ripartire dalla promozione umana: questo lo spirito dell’incontro di oggi pomeriggio tra la Coordinatrice Nazionale del Pd Marta Bonafoni e Marco Furfaro Responsabile Welfare del PD e i rappresentanti delle centrali cooperative Stefano Granata per Confcooperative Federsolidarietà, Eleonora Vanni Legacoop sociali e Marco Olivieri Agci Imprese sociali.

Riconnettere i tessuti sociali è il primo passo per ridisegnare le nuove politiche di welfare attraverso una modalità nuova di ascolto, confronto e collaborazione con una parte importante, ampia e variegata del mondo delle imprese cooperative che si occupano di lavoro, inclusione lavorativa, servizi alla persona che non si svilisca in strumenti meramente assistenzialistici.

Cooperazione e coprogettazione saranno gli strumenti su cui si fonderà un nuovo patto tra il terzo settore e politiche di welfare che saranno in grado di dare risposte ai bisogni di una società mutata e che è in continuo cambiamento. Lo scollamento tra la politica e i bisogni, tra bisogni e risposte che non arrivano neppure più dalle istituzioni più prossime ai cittadini, ingessati in meccanismi di standardizzazione dei servizi che non sono in grado di innovarsi e sperimentare nuove forme di collaborazione.

Ridare innanzi tutto il riconoscimento sociale che spetta a chi lavora nella cooperazione sociale è il primo dei tanti problemi da affrontare. Semplificare e snellire i processi per dare risposte immediate, spesso, troppo spesso bloccati da lungaggini burocratiche e competenze divise tra più livelli istituzionali, rischiano addirittura di compromettere la risposta stessa.

Il Partito Democratico partirà dai territori e con i territori proverà a ricostruire il rapporto di fiducia che da troppi anni si è affievolito verso un mondo che sentiamo vicino e con cui vogliamo affrontare la sfida della lotta alle fragilità, ai bisogni.
Favorire un sistema integrato tra cooperative, impresa, persone e istituzioni sarà il nostro impegno.

Ultimi articoli

Correlati

Dal governo uno spottone elettorale che costa 800 milioni. Quei soldi si potevano usare per la sanità pubblica

Schlein al Corriere della Sera: "Una presa in giro il decreto sulle liste d'attesa. Dalla destra solo misure spot"

Sereni: “Senza assunzioni nella sanità nulla potrà cambiare, così il governo illude chi non riesce a curarsi”

La responsabile Salute e sanità dem a Repubblica: "Fare un decreto fuffa quattro giorni prima del voto è un'offesa per chi oggi soffre e non riesce a curarsi"

Il decreto “anti liste d’attesa” è un bicchiere tutto vuoto. Si voti subito la legge Schlein

Senza coperture e senza tempi certi, un bluff elettorale. Sereni: "Solo con Legge Schlein soluzioni per cittadini e professionisti"

La sanità pubblica è al collasso: ecco le storie che Meloni non racconta al Paese

Votiamo subito la legge Schlein per portare al 7,5% la spesa sanitaria in rapporto al PIL, abbattere le liste d’attesa e mettere in campo un grande piano di assunzioni di medici e infermieri

No a decreti elettorali, il governo Meloni voti la legge Schlein sulla sanità

Sereni: Meloni non ha mai ammesso la grave crisi della sanità pubblica. Non servono decreti sulle liste d'attesa a pochi giorni dal voto, ma scelte di fondo
spot_img