spot_img
spot_img
HomeDirittiViolenza sulle donnePiù risorse...

Violenza sulle donnePiù risorse e più informazione
V

In Italia muore una donna ogni 3 giorni per mano di un uomo, solitamente un congiunto, e un terzo delle donne possono purtroppo dire di essere state vittime di una qualche forma di maltrattamento, abuso, violenza.

 

Per il PD il contrasto alla violenza contro le donne è una priorità.

 

La violenza contro le donne e il femminicidio che ne rappresenta l’estremo e drammatico epilogo è un fenomeno strutturale di natura culturale, le cui ragioni risiedono nelle diseguaglianze di potere tra uomini e donne esistenti nella nostra società.

 

 

* Scarica il volantino in formato PDF *

 

La Convenzione di Istanbul, ratificata dall’Italia fin dal 2013, va applicata in tutte le sue parti. La Convenzione riconosce che la violenza domestica e di genere è un crimine contro l’umanità, una violazione dei diritti fondamentali delle bambine, delle ragazze e delle donne e stabilisce che le misure a contrasto debbano essere di Prevenzione, Protezione, Procedimento contro i colpevoli (repressione) e Politiche integrate.
 
Per il Partito Democratico è da sempre una priorità liberare le donne dalla violenza e per questo motivo abbiamo proposto per tre legislature (compresa quella in corso) l’istituzione di una Commissione d’inchiesta sul femminicidio, proposto e contribuito a far approvare diverse leggi e cercato di investire in modo significativo sulla rete dei centri antiviolenza e delle case rifugio, uno dei principali presidi a sostegno della libertà femminile.
 
Per noi è fondamentale la prevenzione per incidere su un fenomeno di natura culturale che attraversa l’intera società.
 
Il disegno di legge del governo sulle misure di contrasto alla violenza contro le donne è condivisibile ma manca un pezzo. Il ddl va nella direzione della continuità del lavoro svolto su questi temi dal Parlamento e dal precedente governo. In particolare, raccoglie in modo significativo parte delle conclusioni della Commissione di inchiesta sul femminicidio e la violenza di genere, approvate all’unanimità dal Senato. Un nostro ddl, che rafforza le misure cautelari e il braccialetto elettronico e prevede molte altre misure, è già depositato da tempo in Commissione giustizia al Senato.
 
Per questo lo sosterremo in Parlamento, pur presentando alcuni emendamenti per correggerne gli aspetti critici. Un disegno di legge così importante non può essere a invarianza di risorse. C’è bisogno di investire nella formazione di chi deve applicare queste norme.
 
Il nodo principale per aggredire la violenza rimane infatti la necessità di riconoscerla subito e di credere alle donne che si rivolgono alle forze dell’ordine e ai presidi sanitari.

 

 

* Scarica il volantino in formato PDF *

 

Un’azione tempestiva può salvare una vita.

Ultimi articoli

Correlati

Il silenzio di Meloni sui fatti di Pisa è una manganellata alla libertà di espressione

Matteo Mauri interviene in Aula dopo le comunicazioni del ministro dell'Interno Matteo Piantedosi sui fatti di Pisa

Manganellate agli studenti: il Governo tuteli le libertà costituzionali

Giorgia Meloni si esprima su quello che è accaduto, riferisca in Aula

Bonaccini: “In Emilia-Romagna sul fine vita facciamo ciò che lo Stato non fa”

Sintesi dell'intervista di Stefano Bonaccini a Repubblica

Perchè non possiamo smettere di parlare di carceri. Intervista a Mauro Palma

Il sistema carcerario nel nostro Paese non funziona. Ma chi ha davvero interesse a farlo funzionare? Ne parliamo con l'ex Garante dei diritti dei detenuti
spot_img