spot_img
spot_img
HomeArchivioVenezuela, Fassino: "L' Italia...

Venezuela, Fassino: “L’ Italia esca da un’imbarazzante ambiguità”
V

“In queste ore i principali Paesi europei stanno riconoscendo la legittimità del Presidente Guaidò.

Da giorni l’Italia è arroccata in una posizione ambigua e opportunista che mina la coesione europea e isola ancora una volta il nostro Paese.

Se si vuole davvero concorrere a una soluzione che porti il Venezuela a nuove libere elezioni è decisivo che l’Europa parli con una sola voce e agisca unita.

Essere l’unico governo europeo che ha ricevuto il plauso di Maduro è una macchia che lede credibilità e influenza del nostro Paese.

Esca l’Italia da questa infelice posizione e unisca il suo impegno all’azione dell’UE e dei Paesi europei”.

Lo ha dichiarato Piero Fassino della Direzione del PD e vicepresidente della Commissione Esteri della Camera.

Sull’atteggiamento del governo italiano in merito alla situazione in Venezuela il leader dell’opposizione venezuelana JuanGuaidòin una intervista al Corriere della Sera ha oggi dichiarato: “Faremo tutto quello che è possibile affinché il governo italiano aggiunga il suo appoggio, per noi importantissimo, al resto dell’Unione Europea. Nella grande manifestazione di domenica si sono espressi sul palco vicino a me anche i rappresentanti della grande comunità italo-venezuelana. Spero che il governo italiano ascolti con attenzione il loro messaggio”.

“Non è facile per noi capire la politica italiana o le difficoltà interne al vostro governo ad assumere certe posizioni”, ha aggiunto.

“Immagino che anche il resto del mondo non possa capire fino in fondo come funzionano le cose da noi. Ma qui ci sono alcuni fatti evidenti che in Italia si devono conoscere. In Venezuela negli ultimi 15 anni sono morte a causa della violenza 250mila persone”.

Anche il Presidente della Repubblica, SergioMattarella ha invitato al senso di responsabilità e chiarezza sulla situazione venezuelana. “La situazione in Venezuela è particolarmente rilevante anche per l’Italia per il legame strettissimo tra i due Paesi, per i tanti italiani che vivono in Venezuela e per i tanti venezuelani di origine italiana. Una condizione che ci richiede senso di responsabilità e chiarezza su una linea condivisa con tutti i nostri partner e alleati dell’Unione Europea e nella scelta non ci può essere ne’ incertezza’ ne’ esitazione”.

Sandro Gozi, presidente dell’Unione dei federalisti europei ha attaccato su Twitter: “Spagna, Francia e Svezia riconoscono come presidente ad interim del Venezuela JuanGuaidò. La vergogna italiana continua. L’Italia gialloverde ancora una volta dal lato sbagliato della storia e il nostro ministro degli Esteri Moavero del tutto missing in action: chiamiamo ‘Chi l’ha visto’?”.

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img