spot_img
spot_img
HomeScuola e UniversitàUniversità, D’Attorre: "Borse di...

Università, D’Attorre: “Borse di studio e fondo per gli affitti a rischio. Governo tradisce promesse fatte”
U

Mancano le risorse aggiuntive promesse per borse di studio e il fondo per gli affitti. Sono queste le maggiori criticità della legge di Bilancio individuate nella riunione di insediamento del Dipartimento PD Università e Ricerca, composto da docenti, ricercatori e studenti dalle diverse aree disciplinari, oltre che da rappresentanti del personale tecnico-amministrativo e dai parlamentari delle Commissioni competenti.
 
Senza queste risorse, riesploderà in misura molto più estesa il fenomeno degli studenti “idonei non beneficiari”, che il governo – sia pure tardivamente – aveva tamponato per lo scorso anno accademico. Non risultano, infatti, le risorse aggiuntive che il Governo in estate aveva promesso alle Regioni, per compensare l’adeguamento delle borse di studio all’inflazione e l’innalzamento della soglia ISEE. A ciò si lega il mancato incremento del fondo affitti per i fuori sede, che resta a livelli irrisori e che – unitamente alla gestione inefficace dei fondi PNRR – lascia del tutto priva di risposte la giusta protesta degli studenti.
 
In secondo luogo, non è previsto alcun fondo di incentivazione per la partenza dei nuovi contratti di ricerca. È il segno definitivo che il governo si appresta per il secondo anno consecutivo a prorogare i vecchi assegni di ricerca e a non attuare una precisa disposizione legislativa approvata a larghissima maggioranza dal Parlamento nel 2022.
Se a questo aggiungiamo la stasi del Fondo di finanziamento ordinario, che per effetto della dinamica inflattiva si tradurrà in un taglio secco delle risorse reali per gli atenei, e l’assenza di qualsiasi norma per la progressiva stabilizzazione dei precari negli Enti di ricerca, il quadro per il mondo dell’università e della ricerca si drammatico.
 
Il PD si batterà nel passaggio parlamentare a difesa del diritto allo studio e della dignità della ricerca, tentando di costruire la più ampia convergenza delle forze di opposizione”.
 
Così in una nota Alfredo D’Attorre, responsabile Università della segreteria nazionale del PD.

Ultimi articoli

Correlati

La scuola targata Meloni: una patina di sovranismo e disciplina a coprire il nulla

Tutto fumo negli occhi per nascondere che la scuola non è la priorità di questo governo, se non come strumento di controllo e punizione

“Un’educazione di qualità, inclusiva e per tutti”. Messa a rischio dal ddl Calderoli

D'Elia: "La deriva regionalizzatrice della scuola imposta dall’Autonomia differenziata può costituire la fine dell’unità nazionale,creando cittadine e cittadini di serie A e di serie B"

CRUI, D’Attorre: “Auguri a Innantuoni, l’Università torni al centro del dibattito politico”

"Auguri di buon lavoro alla professoressa Giovanna Iannantuoni, appena eletta Presidente della CRUI. Per la prima volta in...

Milleproroghe, D’Attorre: “Sugli assegni di ricerca ennesima toppa di un governo incapace”

È necessario lavorare a un piano straordinario per dare sbocco alla grande quantità di posizioni precarie che si stanno attivando di qui al 2026 con i fondi PNRR

Manzi: “Il liceo del Made in Italy è stato sonoramente bocciato”

Un flop bocciato da famiglie, docenti e dirigenti scolastici: le riforme della scuola ispirate alla propaganda non funzionano
spot_img