spot_img
spot_img
HomeArchivioStrage di Via D'Amelio,...

Strage di Via D’Amelio, 29 anni dopo

Via D’Amelio, Palermo.
19 luglio. Una bomba.
Una bomba che spezzò la vita di Paolo Borsellino e quella di cinque agenti di scorta. Si chiamavano Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina, Claudio Traina ed Emanuela Loi, tra le prime donne a far parte di una scorta, la prima donna della Polizia a cadere in servizio.
La mafia quel giorno uccise loro, ma non la ferma volontà di combatterla. In quello, fallì ancora una volta. Aveva già fallito altre mille volte in quell’intento. Fallì quel giorno e nei giorni, mesi e anni successivi. Perché l’orrore dei suoi omicidi scosse, aprì ferite, dilaniò un Paese spezzando vite, ma non riuscì mai nel vero intento: spaventare così tanto un Paese da farlo desistere dalla lotta alle mafie.
Ricordo è impegno.
La battaglia di tutti coloro che hanno passato una vita intera a combattere le mafie, continua in coloro che oggi ricordano e lottano per la legalità.
Valentina Cuppi, Presidente del PD

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img