spot_img
spot_img
HomeWelfareSereni: "Sulla sanità si...

Sereni: “Sulla sanità si prepara un disastro, sulla pelle dei cittadini e dei lavoratori del settore”
S

“Ci saremmo attesi che, almeno in parte, il Governo raccogliesse con la Nadef il grido d’allarme dei sindacati del settore, delle Regioni e dello stesso Ministro. E invece leggiamo con sconforto e grandissima preoccupazione una linea fondata ancora una volta sul definanziamento della sanità e sui tagli ai servizi.
 
Sono sempre più frequenti le denunce di cittadini che non riescono ad accedere ai servizi senza dover ricorrere al privato, sono sempre più diffusi i casi di operatori e operatrici che scelgono di abbandonare le strutture pubbliche per impieghi meglio remunerati e organizzati anche all’estero, la carenza di alcune figure professionali – prime tra tutte quelle infermieristiche – sta diventando drammatica, a maggior ragione a fronte dell’invecchiamento della popolazione e della necessità di rafforzare la medicina di prossimità e territoriale.
 
Di fronte a tutto questo la scelta del Governo Meloni è quella di imboccare decisamente la strada della riduzione del Fondo Sanitario Nazionale che già dal prossimo anno scenderebbe al 6,2% rispetto al Pil. Noi ribadiamo la nostra proposta di portare la spesa per la sanità al 7,5% del Pil nei prossimi 5 anni e di realizzare un piano straordinario di assunzioni superando definitivamente il tetto di spesa per il personale. Solo così sarà possibile dare risposte non contingenti alle liste d’attesa, alle diseguaglianze tra i cittadini e al disagio profondo degli operatori. Su questi obiettivi non indietreggeremo di un millimetro e continueremo a lavorare per costruire l’unità di tutte le forze dell’opposizione”.
 
Lo scrive in una nota Marina Sereni, responsabile Salute e Sanità del Partito Democratico.

Ultimi articoli

Correlati

Schlein a Meloni: “Non esiste nessuna destra sociale, la vostra è una destra letale”

Al question time alla Camera la segretaria chiede a Meloni se intenda sbloccare il tetto alle assunzioni di medici e infermieri. Ma per la Presidente del Consiglio è sempre colpa di qualcun altro

DCA, Furfaro: “Basta ipocrisia, subito il fondo e il decreto per i LeA”

Va ripristinato immediatamente il fondo, applicata e attuata la legge del 2021, rendendo operativa un'area specifica all'interno dei Lea

Scellerato l’azzeramento del Fondo per i disturbi alimentari. Parte la mobilitazione

Il Partito Democratico si unisce pienamente alla mobilitazione che sta nascendo in difesa del Fondo Nazionale per i Disturbi Alimentari
spot_img