spot_img
spot_img
HomeEconomia e lavoroSciopero commercio e turismo:...

Sciopero commercio e turismo: salari fermi, urgente rinnovare i contratti

Scioperano a tre giorni dal Natale i lavoratori del commercio e del turismo, chiedono il rinnovo di un contratto che aspettano da quattro anni. A proclamare l’agitazione, con manifestazioni a Roma, Milano, Napoli, Cagliari, Palermo, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs.

Sono molto spesso lavoratori a basso reddito, a tempo parziale, a termine, intermittenti, impiegati in settori che proprio in questo periodo dell’anno macinano forti profitti, che non si traducono però in adeguamenti salariali, in un Paese che resta inchiodato alle stesse retribuzioni da oltre 30 anni.

A fianco delle lavoratrici e dei lavoratori in lotta per il diritto a un salario adeguato, il Partito democratico sostiene “con forza la necessità di rinnovare i contratti scaduti ormai da troppo tempo (in vari casi dal 2019) che è alla base dello sciopero”. Così la responsabile Lavoro nella segreteria nazionale dem, Maria Cecilia Guerra.

I 5 milioni di lavoratrici e lavoratori del terziario, della distribuzione e dei servizi hanno diritto a vedere adeguate le proprie retribuzioni, falcidiate dall’inflazione, e a ottenere questo risultato senza mettere in discussione, come chiedono invece le diverse controparti datoriali, altri istituti contrattuali, frutto di conquiste precedenti e che riguardano, a seconda dei comparti considerati, quattordicesima, inquadramento del personale, permessi retribuiti, ricorso a lavoro a termine eccetera”, spiega Guerra, ribadendo che lavoratori e lavoratrici del terziario non debbano essere lasciati soli, e che proprio “i settori del terziario, dei servizi e della distribuzione sono al centro dell’emergenza salariale che caratterizza il nostro Paese e che è stata certificata pochi giorni fa dall’Eurostat. In Italia, fra il terzo trimestre del 2022 e il terzo trimestre del 2023 i salari orari sono cresciuti in media solo del 3,4 contro una media dell’eurozona del 5,3%. Siamo terzultimi in Europa. Ma nei servizi siamo addirittura ultimi con un aumento del 1,9 contro il 5,7% dell’eurozona.”

Ultimi articoli

Correlati

Serracchiani: Con le legge Nordio cade l’unica forma di difesa contro gli abusi di potere

La responsabile Giustizia del Pd a Repubblica: il solito provvedimento bandiera

Dalla Puglia un’ottima notizia: sì alla legge contro l’omotransfobia

Zan: "Mentre il governo Meloni continua a discriminare, dalle regioni di centrosinistra arriva un impegno importante per i diritti di tutte le persone"

Il governo conferma 250 milioni di tagli ai Comuni

Boccia: penalizzati i Comuni più attivi. Mentre Giorgetti descrive un Paese da favola e inventa risultati che vede solo lui

Schlein: “Non cerchiamo modelli, ma la nostra strada per battere le destre”

La segretaria del Pd a la7 rilancia "un'alleanza costruita sui bisogni concreti delle persone". E avverte: "il tempo dei veti è finito"

La Francia lo dimostra: la destra si può battere

Provenzano: "In Francia vince un'idea di cambiamento e vince l'unità. Un'unità complicata, diffcile, in questo caso decisiva per battere la destra"
spot_img