spot_img
spot_img
HomeNotizieSchlein: "PD in piazza...

Schlein: “PD in piazza per pace e salari. Premierato pericolo per l’Italia”

“Chi vuole un futuro più giusto venga in piazza con noi l’11 novembre”.

La segretaria del PD Elly Schlein invita tutti – in una intervista a La Stampa – a Piazza del Popolo a Roma: associazioni, terzo settore, forze politiche, semplici cittadini.
 
“Per la pace e la giustizia sociale”, da piattaforma programmatica ma anche per protestare contro una manovra “fragile e senza visione”, una proposta di riforma costituzionale della maggioranza “pericolosa e pasticciata”, un governo che “esautora il Parlamento”.
 
Secondo la leader dem la manovra è “fragile perché fa giochi di prestigio coi numeri, sovrastimando la crescita. Senza visione perché non ha in testa un modello di sviluppo: è un insieme di mance senza un’idea del futuro del Paese“.
 
Quanto al taglio del cuneo fiscale: “Vale solo per un anno: giusto il tempo di far passare le elezioni europee! Non c’è nulla sui servizi pubblici essenziali come sanità, casa e diritto allo studio. Ci sono tagli agli enti locali. Una cosa avevano fatto giusta e fanno marcia indietro”. L’Iva su assorbenti e prodotti per l’infanzia: “Altro che sostegno alla famiglia! Avevano abbassato l’Iva su quei prodotti, ora hanno inspiegabilmente deciso di rialzarla”.
 
Il governo le risponderebbe: le risorse sono poche, occorre fare delle scelte: “Vero, ma occorre scegliere bene: invece stanno facendo cassa sui poveri. Dopo tanto sbraitare contro la legge Fornero, restringono i requisiti per le pensioni anticipate, in particolare delle donne, e tagliano le pensioni a 700 mila dipendenti pubblici. Se le risorse sono poche vanno usate bene: in ogni nostro emendamento indicheremo anche le coperture”.
 
“Una priorità – continua – è la sanità pubblica: il governo dice che non sono mai state messe così tante risorse, ma non tiene conto dell’aumento dei costi dato da inflazione e crisi energetica. Le bollette alle stelle le hanno pagate anche gli ospedali. Va sbloccato il tetto alle assunzioni e bisogna destinare risorse alla salute mentale, alla sanità territoriale e ai non autosufficienti”.
 
La manovra però è blindata: “Non s’è mai vista una manovra da 28 miliardi in cui il Parlamento non possa mettere becco: è una deriva da contrastare. E magari al voto degli emendamenti vedremo sorprese. Non a caso ho offerto ‘asilo politico’ a emendamenti di esponenti della maggioranza che vogliano aggirare il divieto di presentarne”, ha concluso Schlein.

Ultimi articoli

Correlati

Schlein: Sulla sanità Meloni dia risposte e si ricordi che è al governo

La segretaria del Pd replica a Ciriani: "Il ministro lavori per trovare soluzioni condivise. La nostra proposta è semplice, e resta sul tavolo"

Salva-casa: siamo alla sanatoria ammessa sempre e comunque

In Aula alla Camera un decreto che allarga ancora il perimetro della sanatoria. Braga: "Mai così avanti, è deregulation totale"

Serracchiani: Con le legge Nordio cade l’unica forma di difesa contro gli abusi di potere

La responsabile Giustizia del Pd a Repubblica: il solito provvedimento bandiera

Dalla Puglia un’ottima notizia: sì alla legge contro l’omotransfobia

Zan: "Mentre il governo Meloni continua a discriminare, dalle regioni di centrosinistra arriva un impegno importante per i diritti di tutte le persone"

Il governo conferma 250 milioni di tagli ai Comuni

Boccia: penalizzati i Comuni più attivi. Mentre Giorgetti descrive un Paese da favola e inventa risultati che vede solo lui
spot_img