spot_img
spot_img
HomeNotizieSchlein: "Destra in crisi,...

Schlein: “Destra in crisi, non durerà cinque anni”

“Giorgia Meloni non durerà cinque anni”. Elly Schlein, segretaria del PD, non ha dubbi: “La destra è divisa”, dice alla festa dell’Unità di Torino, intervistata dal direttore de La Stampa Massimo Giannini. Secondo la leader dem, il dramma di Lampedusa sta dimostrando l’incapacità e la frammentazione del governo: “Fanno la gara a chi è più cattivo”. E sulle sfide da portare in Europa pesano le alleanze con i sovranisti di Polonia e Ungheria: “Sorprende che tra tante cose fatte in violazione dei diritti delle persone non dicano qual è la vera battaglia: che ciascun Paese europeo deve fare la propria parte, compresi Orban e i loro amici polacchi”.
 
Questo governo “non credo durerà 5 anni. Dà già segnali di debolezza, ci sono crepe tra Salvini e la stessa Meloni, tra Forza Italia e la Lega. E noi ci inseriremo in quelle crepe per costruire una vera alternativa”.
 
Che voto gli dà? “Esiste il 3?”, risponde la dem. In merito alla questione migranti, Schlein sottolinea: “Il dramma di Lampedusa sta dimostrando l’incapacità di un governo composto da forze politiche che per vent’anni hanno intossicato il dibattito sull’immigrazione ma ora sono incapaci di gestire l’accoglienza. Si sta scatenando la gara tra chi è più cattivo – sostiene la segretaria -, senza fornire risposte né a chi arriva né ai sindaci e ai territori”.
 
“Sorprende che tra tante cose fatte in violazione dei diritti delle persone non dicano qual è la vera battaglia: che ciascun Paese europeo faccia la propria parte, compresi i loro amici polacchi e Orban”, aggiunge. Invece hanno reso più difficile salvare le vite in mare e hanno smantellato l’accoglienza diffusa: la fotografia di una retorica tossica, che noi cambieremo insieme con la Bossi-Fini”.
 
Riguardo ai prossimi appuntamenti elettorali, iniziando dalle Europee, e a chi dice che se il PD non arriverà oltre il 20% anche Schlein sarà a fine corsa: “Le asticelle portano un po’ sfiga – afferma -: non voglio pensare alle asticelle ma a portare alle urne le persone deluse che non vanno più a votare”.
 
“Io capolista alle europee? È l’ultimo dei problemi – sostiene la segretaria -, ho una responsabilità molto più importante: creare una lista che racconti la società che vogliamo costruire”.

Ultimi articoli

Correlati

Guerra: “Divari di istruzione, più che il merito pesa la nascita”

I dati diffusi da Istat confermano l’immagine di una società in cui le diseguaglianze si trasmettono di genitori in figli

Schlein: Sulla sanità Meloni dia risposte e si ricordi che è al governo

La segretaria del Pd replica a Ciriani: "Il ministro lavori per trovare soluzioni condivise. La nostra proposta è semplice, e resta sul tavolo"

Salva-casa: siamo alla sanatoria ammessa sempre e comunque

In Aula alla Camera un decreto che allarga ancora il perimetro della sanatoria. Braga: "Mai così avanti, è deregulation totale"

Serracchiani: Con le legge Nordio cade l’unica forma di difesa contro gli abusi di potere

La responsabile Giustizia del Pd a Repubblica: il solito provvedimento bandiera

Dalla Puglia un’ottima notizia: sì alla legge contro l’omotransfobia

Zan: "Mentre il governo Meloni continua a discriminare, dalle regioni di centrosinistra arriva un impegno importante per i diritti di tutte le persone"
spot_img