spot_img
spot_img
HomeNotizieAbruzzo, Schlein: "Unendo le...

Abruzzo, Schlein: “Unendo le forze continueremo a batterci per l’alternativa. Pd raddoppia consenso”

“Marco Marsilio ha vinto le elezioni regionali, a lui vanno le nostre congratulazioni e gli auguri di buon lavoro. Il ringraziamento più profondo va alla generosità con cui si è speso Luciano D’Amico, insieme a tutta la coalizione. Fino a qualche settimana fa l’Abruzzo era dato per perso senza discussioni, il presidente uscente di Fratelli d’Italia partiva con un vantaggio di 20 punti nei sondaggi. E invece unendo le nostre forze attorno a una visione comune abbiamo riaperto la partita e ridotto quello scarto in modo significativo, ma non ancora sufficiente”. Con queste parole la segretaria del Partito Democratico Elly Schlein ha commentato il risultato delle elezioni regionali in Abruzzo.

“Questo – prosegue Schlein – ci sprona a continuare a batterci con ancora più determinazione per costruire un’alternativa solida in grado di competere con la coalizione delle destre. Insieme continueremo a fare opposizione in Regione e a garantire rappresentanza e voce a tutte le persone che hanno creduto in questo progetto”.

“Da segretaria del Partito Democratico voglio ringraziare di cuore le nostri candidate e i candidati, insieme a tutti i militanti, per l’ottimo risultato ottenuto dal PD, che ha quasi raddoppiato il suo consenso arrivando oltre il 20%, rispetto all’11% delle ultime regionali, e crescendo di quasi 4 punti anche rispetto alle politiche dell’anno scorso. Continueremo a seminare, sappiamo che sarà un lavoro di costruzione paziente. A volte si vince e a volte si perde – conclude la leader dem – ma noi non perdiamo né la speranza né la determinazione e rilanceremo la sfida in vista delle prossime tornate e delle elezioni europee“.

D’Amico: “Esperienza straordinaria, ora faremo un’opposizione seria”

“Ho aspettato che si consolidassero i risultati. Un’ora fa ho chiamato Marsilio. Mi sono congratulato con lui. Il risultato è stato chiarissimo. Gli ho augurato buon lavoro assicurando che faremo un’opposizione che possa essere d’aiuto per realizzare progetti e programmi”. Queste parole di Luciano D’Amico, candidato del centrosinistra in Abruzzo, a commento del risultato elettorale.

Non nasconde l’amarezza per un risultato che poteva essere diverso e si prende le sue responsabilità: “Credo che ci sia mancata la capacità di comunicare agli abruzzesi le nostre intenzioni e i nostri programmi e me ne assumo tutte le responsabilità”. Ma non tutto di questa esperienza è da buttare: “L’esperienza del campo largo è stata straordinaria per l’Abruzzo perché ha consentito di condividere un programma davvero ambizioso. Auspico che possa essere riproposto in altri contesti. Al di là del risultato elettorale, trovo l’esperimento del campo largo davvero straordinario”. Luciano D’Amico, nel corso di una conferenza stampa a Pescara nel suo comitato elettorale, ha detto anche di aver sentito i leader dei partiti che lo sostenevano e “con tutti siamo d’accordo di non lasciare che questa esperienza nella regione Abruzzo termini con il risultato elettorale. Continueremo a lavorare qui con tutte le forze politiche della coalizione”.

Poi la nota amara dell’astensionismo: “Il risultato è chiaro: un abruzzese su quattro ha votato la coalizione Marsilio, uno su quattro ha votato la nostra coalizione. Ma due abruzzesi su quattro non hanno votato. Questa è la sconfitta più bruciante al di là dei risultati delle coalizioni. Per questo ci impegneremo molto nei prossimi cinque anni”. “Non siamo riusciti – ha proseguito D’Amico – a convincere gli abruzzesi che l’ente regione impatta sulla vita di tutti i giorni e a convincere i giovani che il loro futuro può essere determinato anche dalle scelte che l’ente regione fa. Cercheremo di essere propulsivi, di essere di stimolo per far si che la regione Abruzzo possa raggiungere dei buoni risultati”.

 

Ultimi articoli

Correlati

Mori: la partecipazione paritaria delle donne è centrale, in Europa e ovunque

L'intervento della portavoce della Conferenza delle Democratiche in Direzione nazionale: difenderemo la libertà di scelta delle donne

Schlein: solidarietà a Scurati. Questa Rai non è più servizio pubblico, ma megafono del potere

La segretaria Pd alla Repubblica delle Idee: "C'è fastidio per il dissenso, una deriva ungherese'

La tessera 2024 del Pd è dedicata a Enrico Berlinguer

'Casa per casa, strada per strada', è il claim scelto dal Partito democratico per la nuova campagna di tesseramento

Ddl diffamazione: no al tentativo di intimorire e imbavagliare la stampa

Rossomando: "Qui discutiamo di libertà e potere, e sulla direzione che devono prendere le democrazie"
spot_img