spot_img
spot_img
HomeComunicati stampaRoberta Mori candidata unitaria...

Roberta Mori candidata unitaria a portavoce della Conferenza delle donne dem

È Roberta Mori la candidata unitaria a portavoce della Conferenza delle democratiche. Valeria Valente, che pure aveva depositato le firme a proprio sostegno, ha condiviso un percorso comune costruito sulla sintesi tra le due piattaforme, sull’apertura, il pluralismo e la valorizzazione delle differenze. Questo l’esito della prima fase elettorale nel percorso di rinnovamento dell’organismo del Partito Democratico aperto alle donne iscritte e non iscritte.

Nella serata del 15 febbraio, il comitato nazionale di garanzia – che ha svolto le sue funzioni sempre unitariamente nel pieno rispetto del regolamento e della promozione di una larghissima partecipazione – ha animato un incontro con le portavoci regionali e i comitati regionali di garanzia, esponendo un primo rendiconto del viaggio verso il 9 marzo, quando la nuova portavoce nazionale prenderà la guida della Conferenza nell’assemblea delle delegate che si terrà a Roma con la presenza di Elly Schlein.

Sono 14.000 le ragazze e le donne che hanno aderito alla Conferenza, di loro il 45% non iscritte al PD, un risultato grande che può portare un vento di cambiamento e una spinta all’alternativa alla destra peggiore. Ora si avvicina l’ultima tappa con le assemblee regionali per discutere di piattaforma, di futuro e per eleggere la lista delle delegate collegate alla candidatura di Roberta Mori e rappresentative di esperienze, generazioni, apertura, territori e di quell’impegno unitario voluto da Roberta Mori e Valeria Valente.

“In 14.000 hanno scelto uno spazio di libertà nel PD – ha commentato Barbara Pollastrini, presidente del Comitato di garanzia – libere per allargare la libertà di tutte. Libere per un’Europa che riparta dai diritti umani e dalla solidarietà con le donne in Iran, in Afghanistan. Libere di volere e costruire la pace e un nuovo ordine mondiale, di alzare la voce per il cessate il fuoco umanitario a Gaza dove un massacro colpisce donne e bambini. Libere contro il terrorismo di Hamas – aggiunge l’esponente dem – che ha straziato vite e corpi. Libere di fare di ogni giorno, un giorno contro la violenza. Libere di pensare, sognare e fare. Libere di volere un partito nuovo, cambiarne le logiche, i poteri e i potentati. Libere per restituire a chi non è vista, a chi viene tolto e a chi non si dà un lavoro, un reddito, un’autonomia. Un grande augurio a Roberta e un grande abbraccio a Valeria perché quel “c’è ancora domani” non è solo un magnifico film, è il cammino, è la lotta infinita per i diritti umani delle donne come condizione per la dignità di ogni persona”.

Ultimi articoli

Correlati

Donne, Mori (Pd): Proposta politica femminista contro nazionalismi e destre per rafforzare pace, welfare e autodeterminazione

Donne, Mori (Pd): Proposta politica femminista contro nazionalismi e destre per rafforzare pace, welfare e autodeterminazione A margine dell’iniziativa...

Editoria, Pd: Commissione Europea valuti vendita Agi, pluralismo e liberta’ informazione a rischio

Editoria, Pd: Commissione Europea valuti vendita Agi, pluralismo e liberta’ informazione a rischio “Come Partito Democratico chiediamo all’Eni e...

L’aborto nella Carta dei diritti Ue, la destra vota contro e si schiera contro i diritti delle donne

Il diritto all'aborto sia aggiunto alla Carta dei diritti fondamentali dell'Ue: è quanto chiede l'Eurocamera. La destra vota contro

Ue, Provenzano (Pd), gravi parole di Michel, forza dell’Europa risiede nella diplomazia

Ue, Provenzano (Pd), gravi parole di Michel, forza dell’Europa risiede nella diplomazia “L’Europa è progetto di pace, deve costruire...

Dagli eurodeputati Pd no al Patto sulla migrazione Ue

Il compromesso raggiunto è caratterizzato da gravi e inaccettabili manchevolezze sui diritti umani ed è dannoso per l’Italia
spot_img