spot_img
spot_img
HomeArchivioElezioni, Letta: "Riportiamo la...

Elezioni, Letta: “Riportiamo la politica vicino alla gente”
E

Nessuna omissione, “dopo la recente vittoria alle amministrative, l’ultima cosa che intende fare il Pd è chiudere gli occhi o sorvolare sul fenomeno astensione”.

Lo dice il segretario del Pd Enrico Letta in un intervento su Il Messaggero, rispondendo a un editoriale di Romano Prodi.

La disaffezione dei cittadini e la scarsa partecipazione al voto sono evidentemente sintomi di un male più grave e invalidante per la nostra democrazia. Un male peraltro non solo italiano, come da ultimo le legislative francesi hanno confermato”, spiega.

Ci sono inoltre “i contraccolpi economici e sociali della guerra che incombono sulle nostre comunità. A queste conseguenze la politica, e in particolare il governo Draghi che con convinzione sosteniamo, deve rispondere con efficacia, subito. C’è l’inflazione, che è la tassa più iniqua, ai livelli massimi da quando esiste l’euro. E c’è una società fragile su cui tutto questo si abbatte dopo anni di incremento incontrollato delle disuguaglianze. Molti passi nella giusta direzione sono stati compiuti dal governo. Ma sappiamo che nei prossimi mesi dovremo fare di più”.

Per Letta servono “coraggio e ambizione per consegnare ai cittadini strumenti ancora più efficaci per combattere il caro vita, a partire da salari più equi e bollette meno costose”.

E’ necessario inoltre “un impegno straordinario per stimolare l’interesse, restituire la fiducia, accompagnare una riscoperta della partecipazione in una dimensione pubblica”.

Presumere “che chi non vota dopotutto sia ininfluente, non conti, sarebbe un errore capitale”.

E’ una questione per noi centrale. L’abbiamo posta sin dall’inizio della mia segreteria e lo dimostra il successo del progetto delle Agorà Democratiche che vivrà in autunno il suo approdo. Più di centomila italiani hanno paertecipato a mille Agorà che hanno prodotto altrettante proposte oggi leggibili e supportabili nella piattaforma www.agorademocratiche.it

 

Eppure tutto questo slancio rischia di essere velleitario se la legge elettorale rimane la stessa. A mio avviso, molta della disaffezione nasce dall’assuefazione a decenni di liste bloccate e di parlamentari eletti dall’alto. Se non riusciamo a restituire ai cittadini la selezione dei parlamentari, tutto resterà prurtroppo insufficiente“.

 

Da come si gestiranno i prossimi mesi “dipenderanno la qualità della vita di milioni di famiglie – sottolinea – e contemporaneamente l’esito delle elezioni del 2023 e il futuro dell’Italia del successivo quinquennio”.

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img