spot_img
spot_img
HomeArchivioProvenzano: “Il PD ha...

Provenzano: “Il PD ha la responsabilità del cambiamento, la polarizzazione è nelle scelte da fare”
P

Sintesi dell’intervista di Annalisa Cuzzocrea su La Stampa

 

“La destra fa tutta una campagna sulla paura, sull’angoscia delle persone, trovando ogni volta un capro espiatorio, noi non dobbiamo fare l’errore del passato, ignorare quelle paure, ma indicare con chiarezza come si possono offrire davvero opportunità e protezione sociale”, inizia così Peppe Provenzano la sua intervista a La Stampa, e aggiunge: “Le famiglie si ritrovano con i problemi della vita quotidiana, le bollette, gli affitti da pagare, le spese per la scuola dei figli, i redditi con cui si fatica ad arrivare a fine mese. È su questo che gli italiani sceglieranno. La vera partita inizia adesso”.

Il Vicesegretario continua: “Abbiamo un programma progressista, forse il più progressista da quando esiste il Pd. Su ambiente, diritti, lavoro, non è un Pd pallido. La sfida è essere credibili nel cambiamento. Ai lavoratori bisogna dire la verità. Che in passato abbiamo sbagliato, la precarizzazione del mondo del lavoro è iniziata negli anni ’90. Ma lo abbiamo capito, in questi ultimi tre anni abbiamo maturato una sensibilità sociale nuova”.

Provenzano fa un passaggio sui temi del lavoro: “Proposte come una mensilità in più contro il caro-vita, la lotta al lavoro povero e al lavoro precario, le norme sui lavoratori delle piattaforme, sulla trasparenza degli algoritmi chiariscono finalmente da che parte sta il Pd. Su questi temi la destra farfuglia. La verità è che sono divisi su tutto, ma uniti a danno della povera gente. Siamo stati il partito della responsabilità, ma ora abbiamo la responsabilità del cambiamento”, e aggiunge: “La destra è un pericolo per l’interesse nazionale, per le sue relazioni internazionali che rischiano di portarci ai margini dell’Europa. Quello del Pd non è un europeismo astratto, incide sula vita dei cittadini, dei lavoratori e delle imprese. Fosse stato per la destra non avremmo mai avuto le risorse del Pnrr e con loro al governo rischiamo di perderle, visto che lo vogliono cambiare”.

Provenzano chiude: “La verità è che finalmente sulla scuola, sulla sanità, sulla casa, sul lavoro, sui diritti, sulle rinnovabili, abbiamo risposte concrete alle diseguaglianze. Perché se le ignori, come fa la destra, diventano divisioni. Lincoln diceva che una casa divisa non può reggere. Vale anche per il Paese. La destra vuole dividerlo, noi non i 5 stelle, non Calenda, ma noi possiamo unirlo”.

 

Intervista integrale su La Stampa

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img