spot_img
spot_img
HomeEconomia e lavoroPortovesme, Misiani: "Governo non...

Portovesme, Misiani: “Governo non propone soluzioni per la crisi”
P

I Senatori del Partito Democratico Marco Meloni e Antonio Misiani hanno depositato un’interrogazione a loro prima firma indirizzata al Ministro delle Imprese e del Made in Italy in merito alla vertenza PORTOVESME, da marzo sui tavoli del Ministero.

“Il sito industriale di PORTOVESME è l’unico stabilimento in Italia a produrre piombo e zinco e da febbraio ha fermato l’80% degli impianti a causa della crisi energetica. Sono a rischio 1.500 dipendenti tra San Gavino e Portoscuso”, dichiarano i Senatori dem.

“Il PD aveva proposto, con emendamenti alla legge di bilancio, l’estensione degli sconti sui costi energetici anche per le imprese che non possono usare il metano, come la Glencore. La maggioranza li ha respinti e l’azienda non ha retto. Nell’interrogazione – spiegano i parlamentari del PD – chiediamo la possibilità di una loro erogazione retroattiva a condizione del mantenimento dei livelli occupazionali”.

La PORTOVESME srl, infatti, di fronte a costi energetici così elevati ha posto in atto un drastico ridimensionamento degli organici, da mesi ormai in cassa integrazione, cessando la produzione del piombo e dimezzando quella dello zinco,
dichiarando di voler avviare entro il 2027 un nuovo progetto per il recupero del litio. “Il progetto litio della multinazionale Glencore, proprietaria di PORTOVESME, ha forti problematicità autorizzative e di gestione ambientale e – come se non bastasse – consentirebbe il reimpiego di soli 120 lavoratori. Perché il Governo, mentre il territorio sud-occidentale della Sardegna è da mesi in piena crisi occupazionale e sociale, dopo l’apertura di un tavolo con l’azienda e i sindacati e tre incontri andati a vuoto, non ha ancora una soluzione? Eppure mantenere in Italia, e precisamente nei due stabilimenti sardi, la produzione dei metalli non ferrosi rappresenta non solo un interesse strategico nazionale, visto che consentirebbe di evitare di dipendere totalmente da altri Paesi, ma potrebbe rivelarsi estremamente utile per i progetti di transizione ecologica da completare entro il 2050”, affermano i
senatori Dem, che al Ministro Urso chiedono quali iniziative intenda adottare per far rientrare i piani di ridimensionamento produttivo ed occupazionale della PORTOVESME srl e soprattutto a che punto sono le interlocuzioni del Governo con la proprietaria Glencore Inc.

Ultimi articoli

Correlati

Pasticcio Pnrr, spesi meno della metà dei fondi. E il governo si sottrae al confronto

il governo sta danneggiando il Paese. Boccia a La Russa: "Fitto si sottrae al confronto"

Pnrr, Misiani: “Transizione 5.0 in alto mare, governo non pervenuto”

“Il programma Transizione 5.0 annunciato trionfalmente dal ministro Urso è a ‘carissimo amico’, stando a quello che riportano...

“Le morti sul lavoro non sono una fatalità ma una vera tragedia”. Parla Maria Cecilia Guerra

All’indomani dell’ennesima strage sul lavoro – i cinque morti nel cantiere di Firenze – si riaccende l’attenzione su un tema che non dovrebbe mai vederla spenta: la sicurezza sul lavoro. Qual è la situazione nel nostro Paese, e cosa serve per intervenire davvero?

La sicurezza dei lavoratori prima di tutto: basta sub appalti a cascata

L'idea della segretaria dem: "Chiediamo si estenda anche al privato l'obbligo di utilizzo del contratto edile"

Pil, Misiani: “Le previsioni Ue confermano la stasi dell’economia italiana

“Le previsioni economiche della Commissione Ue confermano purtroppo la stasi dell’economia italiana. Nel 2024 la crescita sarà molto...
spot_img