spot_img
spot_img
HomeNotiziePnrr, Meloni esulta per...

Pnrr, Meloni esulta per un accordo al ribasso

E anche oggi la macchina della propaganda del governo Meloni festeggia la propria inadeguatezza, esultando per l’accordo al ribasso raggiunto sulla quinta rata del PNRR.

In una riunione fulminea – è durata appena 9 minuti – della Cabina di regia si festeggia l’agognato traguardo che consentirà all’Italia di presentare la richiesta di pagamento della quinta rata, dell’ammontare di 10,5 miliardi entro la fine dell’anno. Unico a parlare,  il ministro Fitto.

La presidente del Consiglio rincara la dose dell’autocelebrazione: saluta quello che definisce “un accordo importante”, ma dimentica di menzionare quanto “lo straordinario lavoro portato avanti” dal suo esecutivo sia costato al Paese. Lo ricorda molto bene, invece, il senatore Alessandro Alfieri, responsabile Riforme e PNRR del Pd, che si stupisce di tanta esultanza. “Siamo di fronte – sottolinea Alfieri – ad un accordo che il governo ha dovuto contrattare al ribasso con la commissione Ue. Ben 17 obiettivi di meno e 7,5 miliardi in meno (di cui 4,5 a fondo perduto) per il prossimo anno. Meno risorse e il rischio di dover ricorrere ad aste aggiuntive di BTP. La verità è che questo accordo sposta sulle prossime rate obiettivi più impegnativi. Le furbate di Fitto servono solo a ritardare un disastro annunciato“.

 

Ultimi articoli

Correlati

Serracchiani: Con le legge Nordio cade l’unica forma di difesa contro gli abusi di potere

La responsabile Giustizia del Pd a Repubblica: il solito provvedimento bandiera

Dalla Puglia un’ottima notizia: sì alla legge contro l’omotransfobia

Zan: "Mentre il governo Meloni continua a discriminare, dalle regioni di centrosinistra arriva un impegno importante per i diritti di tutte le persone"

Il governo conferma 250 milioni di tagli ai Comuni

Boccia: penalizzati i Comuni più attivi. Mentre Giorgetti descrive un Paese da favola e inventa risultati che vede solo lui

Schlein: “Non cerchiamo modelli, ma la nostra strada per battere le destre”

La segretaria del Pd a la7 rilancia "un'alleanza costruita sui bisogni concreti delle persone". E avverte: "il tempo dei veti è finito"

La Francia lo dimostra: la destra si può battere

Provenzano: "In Francia vince un'idea di cambiamento e vince l'unità. Un'unità complicata, diffcile, in questo caso decisiva per battere la destra"
spot_img