spot_img
spot_img
HomeArchivioPensioni, Orlando: "Serve subito...

Pensioni, Orlando: “Serve subito un patto”
P

“Il sindacato fa le valutazioni che crede e lo sciopero è un diritto, ma credo ci siano tutte le condizioni perchè sulle pensioni si apra un confronto che affronti in modo strutturale alcuni dei problemi posti”, così in un’intervista per la Stampa, il ministro del lavoro Andrea Orlando.

Ci sono le condizioni per un dialogo sulla previdenza

“Vedo le condizioni per un dialogo sociale che può portare a un miglioramento della manovra, affrontando il tema della previdenza al di fuori del dibattito sterile quota 100 sì quota 100 no”.

L’intervento del governo non è strutturale

“Bisognava uscire da misure eccezionali con qualcosa che rendesse meno forte l’impatto sui lavoratori. L’intervento del governo non è strutturale, c’è da capire come si torna a un sistema che deve essere contributivo evitando le rigidità che la legge Fornero portava con sé”.

Necessario mettere in moto i fondi del Recovery

“Bisognava prima di tutto mettere in moto i meccanismi necessari a spendere 300 miliardi di euro, i fondi del Recovery, evitando di affrontare in modo frettoloso temi divisivi per una maggioranza così ampia, creando le condizioni per poterli affrontare con uno sguardo più lungo e con il necessario confronto”.

Le Regioni dovranno spendere in tempo utile le risorse

“Le risorse sono stanziate, le Regioni dovranno spenderle in tempo utile. I fondi serviranno a finanziare percorsi per i disoccupati e per i lavoratori, sulla base di progetti formativi definiti dalle imprese e dai soggetti della formazione e veicolati sia dai centri per l’impiego che da agenzie private”.

Reddito di cittadinanza

“I sussidi servono per intervenire quando il lavoro non c’è o quando una persona non può lavorare, non per creare lavoro, questa misura ha effettivamente sostenuto persone contro la povertà. Quanto agli abusi, li stiamo scoprendo grazie a una giusta intensificazione dei controlli che la manovra rafforza, sapendo che la madre di tutte le distorsioni è l’evasione fiscale ma nessuno ha mai chiesto di abolire altri istituti perché qualcuno se ne approfittava”.

I poveri sono la conseguenza di un sistema ingiusto

“C’è un’ideologia per cui i poveri sono poveri per colpa loro e chi non trova lavoro non lo trova perché non lo cerca, io non penso sia così. Credo che i poveri siano la conseguenza di un sistema ingiusto e che dobbiamo chiederci se davvero il massimo desiderabile possa essere uno stipendio di qualche centinaio di euro. O se sia accettabile che in questo Paese ci sia tanto nero”.

Salario minimo

“Si teme che il salario minimo possa indebolire la contrattazione tra le parti sociali con un effetto di diminuzione potenziale dei salari in alcuni settori. Credo ci siano le condizioni per tenere insieme contrattazione e salario minimo, lavorando sull’effettiva titolarità di chi fa le trattative. La direttiva europea istituirà l’obbligo di salario minimo per i Paesi con meno del 70% di rappresentanza sindacale. Per gli altri, quindi anche per noi, si chiederanno criteri adeguati”.

Intervista completa su La Stampa

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img