spot_img
spot_img
HomeArchivioLegge di bilancio, PD:...

Legge di bilancio, PD: “Aggraverà la crisi economica e sociale”
L

“Sabato 17 dicembre la nostra manifestazione in piazza contro una manovra improvvisata e iniqua. Inadeguata rispetto al rischio recessione e all’impennata dell’inflazione. Lo avevamo anticipato nella nostra Assemblea di sabato. Ora, dopo le decisioni di ieri lo confermiamo con ancora più convinzione”. Questo il commento del segretario PD, Enrico Letta sulla legge di bilancio presentata dal governo.

 

“Aiuti contro il caro energia per soli 3 mesi. Guerra contro i poveri e favori agli evasori. Poco o nulla per il lavoro e la crescita. Dulcis in fundo (si fa per dire…), da dicembre aumentano benzina e gasolio. È una legge di bilancio che aggraverà la crisi economica e sociale”, così Antonio Misiani, responsabile economia e finanze del PD, interviene sulla Legge di Bilancio.

 

Lia Quartapelle, responsabile Europa, affari internazionali e cooperazione allo sviluppo, in un tweet scrive: “Giorgia Meloni all’opposizione ammoniva: le accise sulla benzina vanno abolite. Con la sua prima legge di bilancio, rimette le accise sulla benzina che Draghi aveva tolto. Quando si dice la coerenza prima di tutto”.

 

“Mi dispiace per Giorgia Meloni ma quella varata dal suo governo non è una manovra che ha visione e fa scelte politiche. E’ una manovra inadeguata e iniqua che non fronteggerà inflazione e recessione e che accentuerà i divari tra i cittadini. Si limitano a mettere in campo 21 miliardi contro la crisi energetica che saranno sufficienti a coprire non più di 4 mesi. A ciò si aggiunga che da dicembre aumenteranno benzina e gasolio. Di fronte alla terribile crisi inflattiva, l’esecutivo Meloni si limita a un intervento marginale e non efficace sul taglio del cuneo senza mettere in campo interventi più incisivi che sono riservati esclusivamente ai lavoratori autonomi che, con l’estensione del regime forfettario a 85mila euro, otterranno un vantaggio fiscale assolutamente sproporzionato rispetto ai lavoratori dipendenti. Questa e’ la manovra di un governo che penalizza chi paga le tasse, non combatte l’evasione fiscale, smantella una misura di sostegno contro la povertà e non investe nulla su scuola e sanità. Una legge di bilancio che accentuerà la crisi economica e sociale e che non da’ nessuna risposta ai cittadini più fragili”, così la presidente dei senatori del Pd Simona Malpezzi commenta la conferenza stampa di Giorgia Meloni.

 

Quella varata dal governo Meloni non è una manovra improvvisata ma una finanziaria “reazionaria”. Lo dice Andrea Orlando in un post su Facebook.

“La manovra del Governo Meloni non è una manovra improvvisata. È una manovra che esprime in modo compiuto un’idea di società”. “La donna merita maggiori tutele se è madre ed in funzione del numero dei figli. Il lavoratore dipendente deve pagare più tasse degli altri lavoratori. Lo Stato mostra indulgenza con chi evade, ma non con chi è povero. Se è povero la colpa è sua. Punto. E su questo si troveranno significative convergenze con i meritocratici alle vongole disseminati anche nell’opposizione, politica e mediatica”. Continua Orlando: Continua Orlando: “La manovra dice soprattutto che se una persona è disoccupata, la colpa è sua. Non importa se ha solo la licenza elementare e vive in una regione con il 40% di disoccupazione. Infatti, si cancella la disoccupazione involontaria per legge. Nulla sul lavoro povero, né salario minimo, né regole sulla contrattazione”.
E ancora: “Nulla per chi nei prossimi anni andrà in pensione con contribuzioni ridicole, una priorità che era emersa e condivisa nel confronto con i sindacati nei mesi scorsi, in vista della prossima legge di bilancio (lo dico per quelli che sono sempre pronti a dire ‘ah le buone idee vi vengono da quando siete all’opposizione’)”. Insomma: “Non è una manovra improvvisata”, conclude. “È una manovra lucidamente reazionaria e, lo ribadisco, di classe”.

 

Beatrice Lorenzin, senatrice PD, aggiunge: “La Meloni ci prova ma non ci riesce e per dare contentini agli alleati non risolve a famiglie ed imprese né il problema bollette, né quello dell’inflazione a due cifre che morde salari e pensioni. Nel 2022 abbiamo speso 5 miliardi al mese per caro energia: con 21 miliardi andiamo poco lontano anche perché non c’è nulla per disaccoppiamento gas-rinnovabili e misure per calmierare prezzi. Il mini taglio al cuneo fiscale non da respiro a salari e caro carrello al 12% e impoverisce tutte le famiglie. Era il momento di scelte nette e non delle bandierine della campagna elettorale. È stata sottovalutata ancora una volta dal governo la questione sanitaria. Senza l’aumento del fondo, i prossimi anni saranno critici per servizio sanitario nazionale. La risposta non è il Calderoli, ma l’aumento del fondo per coprire i costi covid delle regioni e lo sblocco dei LEA in conferenza stato regioni. Se non si risolve la questione dei salari e non si affrontano le prospettive degli operatori della sanità, rischiamo che ai pensionati non solo non si da respiro economico ma neanche le cure essenziali e l’assistenza domiciliare. Senza soldi non si canta la messa e i più fragili rischiano di essere schiacciati definitivamente. E senza una netta manovra che tenga insieme taglio del cuneo e aumento del salario anche chi non è povero rischia di scivolare verso condizioni sempre più difficili”.

 

“Con la sua prima legge di bilancio, la destra al Governo dimostra tutta la sua incapacità di dare risposte utili al Paese. Delle fragorose promesse raccontate in campagna elettorale, resta soltanto il vuoto assoluto. D’altronde, la destra fa la destra e allora: via libera all’evasione fiscale, pochi spicci a chi ha bisogno e grandi regalie alle rendite; abbassano le tasse a chi guadagna 80mila euro all’anno ma tagliando 1.200 euro annui dagli assegni di 4 milioni di pensionati; da un lato studiano complicatissime social card per i beni di prima necessità ma dall’altro aumentano il prezzo della benzina. Siamo di fronte a una manovra che non è solo confusa e contraddittoria, ma gravemente dannosa per i cittadini più fragili. Dopo anni tra pandemia e crisi energetica, a 700mila italiani vulnerabili sarà detto che dovranno cavarsela da soli, che non hanno più diritto a nessun mezzo di sostentamento da parte dello Stato. L’Italia di Meloni e Salvini è un Paese che se ne frega dei diritti e soprattutto di quelli sociali, come dimostra l’assoluto silenzio intorno alla scuola e alla sanità lasciate prive di finanziamenti adeguati. Neanche un euro per colmare i divari sociali ed infrastrutturali del Mezzogiorno e delle aree deprivate e soprattutto un Paese dove a trionfare saranno sempre i furbi e le persone umili e oneste dovranno sempre soccombere. Noi a questa visione delle cose non ci stiamo e in Parlamento faremo battaglia per far valere i diritti dei cittadini più deboli”. Lo dichiara Ubaldo Pagano, Capogruppo PD in Commissione Bilancio a Montecitorio.

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img