spot_img
spot_img
HomeArchivioParente: Con ddl povertà...

Parente: Con ddl povertà nasce la prima misura nazionale di contrasto
P

Iniziata ieri sera al Senato la discussione del ddl, già approvato dalla Camera, con le norme relative al contrasto della povertà, al riordino delle prestazioni e al sistema degli interventi e dei servizi sociali, nel testo proposto dalla commissione Lavoro. Sul provvedimento ha riferito Annamaria Parente,capogruppo del PD nella Commissione Lavoro e relatrice al ddl di contrasto della povertà.
Durante la discussione sul provvedimento al Senato è mancato il numero legale, parlamentari M5S assenti in Aula, lo hanno reso noto i senatori del PD su Twitter.

 

Monica Cirinná: la “Lega chiede sospensione legge contro povertá e M5S non da il numero legale, per loro aiuto ai poveri solo parole”.

 

Salvatore Tomaselli: “Cinquestelle, Lega e Forza Italia fanno mancare numero legale! Vergogna totale per ‘alleanza contro poverta”. Laura Cantini: “Abbiamo iniziato a discutere in Senato la legge contro la povertá: la Lega Nord e il M5S fanno mancare il numero legale! #sonoalleatidifatto”. Francesco Russo:“M5S, FI e Lega fanno mancare il numero legale”.

 

*****

Parente ha dichiarato: “La legge che l’Aula del Senato esamina è necessaria perché risponde all’esigenza di dare al Paese, per la prima volta, un’unica misura nazionale di contrasto della povertà, una misura strutturale con carattere universale. Il reddito di inclusione è una misura di contrasto della povertà intesa come impossibilità di disporre dell’insieme dei beni e dei servizi necessari a condurre un livello di vita dignitoso, nonché uno strumento di contrasto dell’esclusione sociale”.

 

“La misura – continua Parente – consiste in un beneficio economico e in una componente di servizi alla persona, assicurati dalla rete dei servizi e degli interventi sociali, attraverso un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa, da garantire in modo uniforme su tutto il territorio nazionale. Così si supera la visione assistenzialista, radicata purtroppo nel Paese, per mettere al centro la persona nel rispetto della sua dignità. L’uscita dalla povertà non è solo un fatto di reddito, ma anche una questione di uscita da un certo tipo di vissuto che si concretizza spesso in un degrado esistenziale. E quindi, non servono solo risorse, ma anche aiutare le famiglie a mandare i bambini a scuola, dal pediatra, sostengo nelle situazioni difficili.

 

La delega prevede il riordino delle attuali prestazioni e l’estensione graduale del reddito di inclusione a tutti i poveri assoluti, a partire dai nuclei famigliari con minori. Con l’approvazione di questo testo, l’Italia non sarà più l’unico Paese europeo nel quale lo Stato non fornisce un aiuto alle persone in povertà assoluta. Tante famiglie indigenti avranno così la possibilità di ricevere un sostegno pubblico per costruirsi un futuro migliore”.

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img