spot_img
spot_img
HomeArchivioNardella: "Migranti, da noi...

Nardella: “Migranti, da noi già il massimo. Sanzioni ai Comuni che dicono no”
N

Tre giorni fa Dario Nardellaha inviato una lettera al prefetto chiedendo che non fossero inviati altri migranti in Toscana. E ha scritto: «Pregherei di considerare come criterio di ripartizione all’interno della Regione non soltanto la percentuale di popolazione, ma anche la presenza nelle strutture governative, andando ad individuare prioritariamente quei Comuni che ad oggi non si sono attivati per l`accoglienza».
 
Dunque lei, che è il sindacodi Firenze, si oppone alla distribuzionedisposta dal governo?

 

«Noi pensiamo che accogliere queste persone sia giusto e doveroso. Noi diciamo
semplicemente che la nostra quota di stranieri ospitati l’abbiamo già raggiunta e invece altri continuano a rifiutare. Vogliamo soltanto che sia riequilibrata la situazione».
 
Che vuol dire?
 
«Noi siamo oltre il 12 per cento delle quote dovute, mentre ci sono varie altre Regioni che sono sotto quota, come Lombardia, Lazio, Campania, Emilia Romagna, Puglia, Valle d’Aosta. Vorrei evidenziareche a Firenze abbiamo una
media di 3,5 richiedenti asilo per ogni i.000 abitanti e quindi siamo anche oltre il tetto fissato dall’accordo tra il ministerodell’Interno e l’Anci, l’associazione dei Comuni».
 
Solo 2.600 Comuni su8.000 accettano gli stranieri.Lei crede che bisognerebbeimporre l’obbligo di accoglienza?
 
«No, basterebbe prevedere sanzioni per i Comuni che non collaborano. Premiamo i virtuosi e penalizziamo chi dice no».
 
Può fare un esempio concreto?

 
«È semplice: tu rifiuti l’accoglienzae io non ti concedo le agevolazioni che generalmente il governo assegna ai Comuni. Penso agli sgravi fiscali, allo sblocco degli investimenti».
 
Ne ha parlato con il presidenteMatteo Renzi?

 

«11 mio interlocutore in questo caso è il ministro dell’Interno Angelino Alfano e io sono d’accordo con il suo piano. In ogni caso è stato proprio Renzi a chiedere all’Europa di sanzionare i Paesi che non accettano i ricollocamenti, quindi èun meccanismo che si può prevedere».
 
Non sarebbe meglio allestiregrandi strutture?
 
«Io sono contrario a modelli tipo Calais. Si è visto bene che cosa è accaduto in Francia e quindi replicarlo in Italia sarebbe un grave errore».
 
Però consentirebbe di assisterele persone senza problemi.
 
«No, non sono d’accordo. Si tratta di uomini, donne e bambini che scappano dalla guerra e dalla miseria. Hanno bisogno di trovare posto in luoghi confortevoli. Noi almeno siamo impegnati in questo modo».
 
Perché parla al plurale?
 
«Firenze è una città metropolitana.In 38 Comuni su 40 Ci sono stranieri. Abbiamo sempre fatto il massimo. E continueremo a farlo, ma non possiamo essere lasciati soli. E soprattutto non si può consentire che ci sia chi si impegna e chi sta a guardare».
 
Però chi si impegna viene premiato con un contributo notevole. Le sembrano pochi500 euro per ogni profugo ospitato?
 
«Mi sembra che sia una cifra giusta, il riconoscimento di un impegno concreto che serveproprio ad incentivare chi aiuta».
 
Però non evita situazionicome quella di Gorino.
 
«Purtroppo credo che in quel caso ci sia stata una forte strumentalizzazione politica. Il risultato di un atteggiamento irresponsabile che in alcuni luoghi fomenta la protesta senza rendersi conto che le conseguenze potrebbero essere
disastrose».
 
Si riferisce alla Lega?
 
«Non è difficile capirlo».

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img