spot_img
spot_img
HomeEconomia e lavoroMes, Misiani "La destra...

Mes, Misiani “La destra ora è senza alibi. La non ratifica è un danno al Paese”

Giorgia Meloni e Matteo Salvini, bloccando la ratifica del trattato Mes, stanno creando un danno al Paese. Il loro no al nuovo Mes indebolisce la nostra posizione in Europa e priva l’Italia di uno strumento utile per proteggere meglio i risparmiatori italiani in caso di crac bancari”.
Lo dice il senatore dem Antonio Misiani in un’intervista a la Repubblica.

“L’Italia è l’ultimo Paese della zona Euro a non aver ancora ratificato l’accordo. Persino la Croazia, che è entrata a gennaio di quest’anno nella moneta unica, ha provveduto subito ad approvarlo. Se siamo in questa situazione – accusa Misiani – è a causa di un veto ideologico e pregiudiziale da parte di FdI e della Lega”.

Riguardo alla nota del ministero dell’Economia, che benedice il Mes, e di un’eventuale frattura interna alla Lega, “meglio tardi che mai, il ministro Giancarlo Giorgetti finalmente ci ha messo la faccia. Il Re è nudo: il ministero dell’Economia dice esplicitamente che la ratifica del Mes conviene all’Italia, confermando quello che noi da tempo sostenevamo. Ora il governo e la maggioranza non hanno più alibi: devono rompere gli indugi e portare il trattato al voto del Parlamento”.

Perché, per Misiani, “avere a disposizione questo strumento aiuterebbe a difendere meglio la stabilità del sistema finanziario e, quindi, i risparmiatori italiani”. Prendendo tempo, “la nostra premier si illude di poter utilizzare la mancata ratifica del trattato Mes come arma di pressione verso i nostri partner europei su altri argomenti, dalla riforma del patto di stabilità e crescita alla revisione del Pnrr. Ma in realtà l’unico risultato che sta producendo questo giochino è bloccare l’entrata in vigore di uno strumento potenzialmente utile anche per noi e indebolire la credibilità dell’Italia di fronte al resto d’Europa. Un doppio danno al nostro Paese”.

Ultimi articoli

Correlati

La battaglia per il salario minimo in Italia continua: ora si può firmare anche online

Raggiungendo le 50.000 firme, il Parlamento sarà obbligato a discutere la proposta

Conferenza nazionale per l’industria e il lavoro. Relazione di Antonio Misiani

Appunti introduttivi di Antonio Misiani, Torino 12 maggio 2024

Schlein: “Salario minimo sempre più urgente per alzare gli stipendi più fermi in Europa”

La segretaria dem al Manifesto: "Drammatici i dati su povertà e salari, siamo al fianco dei lavoratori. Per Meloni sarà difficile bocciare la legge di iniziativa popolare"

Contro povertà e crollo dei salari, salario minimo subito

I dati Istat di oggi denunciano il crollo verticale dei salari a fronte di crescita dei prezzi e aumento della povertà assoluta. Il governo non può continuare a voltare la faccia
00:00:00

Conferenza nazionale per l’industria e il lavoro, un piano industriale per l’Italia

In diretta da Torino l'appuntamento conclusivo della serie di eventi tenutasi in tutta Italia, da Genova a Terni, da Catania a Roma. Conclude la segretaria dem Elly Schlein
spot_img