spot_img
spot_img
HomeArchivioMartina: “Liste aperte per...

Martina: “Liste aperte per le Europee a tutte le forze progressiste e ambientaliste”
M

“Questa mattina ho ribadito che con l’appuntamento del Forum nazionale del Pd si conclude una parte importante dell’impegno assunto a luglio in Assemblea. Credo sia naturale dare al Pd la possibilità di svolgere il nostro congresso.

 

Alla domanda cosa farò, ho risposto solo che stiamo ragionando con la consapevolezza che è importante dare al Pd la possibilità di diventare alternativa a questo governo”.

Lo ha detto il segretario Pd, MaurizioMartina, alla Stampa estera presentando il Forum nazionale che si svolgerà sabato e domenica prossimi a Milano.

 

Europa e alleanze per le elezioni

“Ci sono forze che vogliono demolire l’Europa. Noi vogliamo cambiarla in meglio. Il tema è sempre più evidente e chiaro”, ha aggiuntoMartina.

 

“È fondamentale per il Pd lavorare nelle prossime settimane per le scadenze elettorali europee. Noi vogliamo cambiare l’Europa in meglio. Il tema non è fra chi vuole cambiare l’Europa e chi no, ma tra chi vuole rinnovarla con una sovranità maggiore pensando in primis, come nel nostro caso, ai cittadini italiani e chi vuole distruggere questo approdo”.

 

“Per questo avremo con noi Pedro Sanchez sabato pomeriggio al Forum di Milano. Il Pd è centrale nell’alleanza europea. La famiglia socialista europea è necessaria ma non sufficiente: il Pse da solo non basta. Ma come si struttureranno le alleanze si vedrà sia prima sia dopo le elezioni europee”, sottolinea.

 

Per un’alleanza in vista delle prossime elezioni Europee “devono essere coinvolte tutte le forze che vogliono una svolta sociale in Europa. Contro una destra che individua sempre e comunque il nemico nell’Europa”.

 

Tra le proposte del Pd,Martinaspiega che ci sono “una assicurazione unica europea contro la disoccupazione, concretizzando quella ambizione al pilastro sociale che abbiamo sempre cercato. C’è un dumping dentro il progetto europeo che non è più sopportabile. E poi diciamo Europa pienamente politica, a partire dell’elezione del presidente. La sovranità italiana si sviluppa solo dentro il contesto europeo”.

 

“Serve un rilancio della sovranità europea. Penso a un premier che va in Russia e registra la disponibilità di quel Paese a investire nel nostro Paese ma mi chiedo se ci sia difesa della nostra sovranità”. Alle lezioni dal premier Conte sulla lettura dei sogni degli europei o dei cittadini dico anche no e umilmente gli suggerirei di rispondere alle sue responsabilità per esempio sul decreto Genova che è al quarto rinvio in aula”. Ha continuato il segretario del Pd MaurizioMartinaalla stampa estera.

 

“L’esperienza bavarese può insegnarci qualcosa. C’è un riformismo radicale che dobbiamo affermare in maniera più netta. È arrivato il tempo di passare dai convegni agli atti e alle responsabilità: chi ha responsabilità politica deve cominciare a muoversi. S: se c’è un gruppo di Paesi europei che può andare più veloce, si muova e lo faccia. Solo questo salverà l’Europa”.i deve pensare a un’Europa a più velocità

 

Liste aperte

“Credo ci sia uno spazio per il Pd maggiore rispetto a quello che rappresentano i sondaggi. Perciò è importante prepararsi già dal congresso con liste aperte per le Europee a tutte le forze progressiste e ambientaliste e candidature anche indipendenti”. Così il segretario del Pd MaurizioMartinaalla stampa estera. “Federica Mogherini è una figura importantissima e di riferimento per l’Europa e per l’Italia, il suo mandato scade nell’autunno 2019 e non vogliamo strattonarla dal suo impegno”, ha aggiunto.

 

Dl Genova

“Alla Camera siamo al quarto rinvio, stiamo ancora aspettando di capire come il governo porta il decreto o no. Conte faccia il suo mestiere e, prima di ogni altra cosa, si preoccupi di interpretare i sogni dei cittadini di Genova”.

 

Manovra economica del governo gialloverde

“Gli appelli di queste ore non vengono dall’esterno: la manovra va cambiata per difendere gli interessi degli italiani, prima del monito delle autorita’ europee, e fa impressione la superficialità con cui il governo sta trattando questa questione. Una impressionante superficialità che danneggia l’Italia”. Lo ha detto MaurizioMartinaalla stampa estera.

 

“Quando Bannon utilizza l’Italia come laboratorio bisogna preoccuparsi. I fatti ci dicono che in 100 giorni il governo italiano ha esposti gli italiani a un rischio micidiale”, ha continuatoMartina. “Rischiamo di tornare nel tunnel. Quando i mutui iniziano a salire, le imprese a negare il credito, quando abbiamo un governo che non riconosce la stabilita’ economica come base per fare politiche crescita io mi preoccupo”, ha sottolineato ancora il segretario Pd.

 

“Siamo ancora dentro un primo tempo post elettorale che dà a Salvini la possibilità di non rispondere ancora delle proprie responsabilità”.

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img