spot_img
spot_img
HomeArchivioMarcucci: "Di Maio e...

Marcucci: “Di Maio e Salvini sono irresponsabili. Hanno fatto perdere al Paese due mesi di tempo”
M

Andrea Marcucci, è soddisfatto se nasce un governo grillo-leghista?

«No, soddisfazione è un’altra cosa. Prendiamo atto che sta per accadere quello che era ovvio accadesse. Dalla tenuta della logica spartitoria avuta alle Camere sui presidenti, sui vice presidenti, sui questori, si capiva che c’era un accordo più
profondo che non poteva non sfociare in una intesa di governo. Tra l’altro i due leader, Salvini e Di Maio in più occasioni avevano certificato una sostanziale concordia programmatica. Poi è nato il problema di nascondere Berlusconi e anche di trovare intese su premier, vice, ministro dell’economia».

 

Ma lei scrisse su Twitter all’indomani del voto “Non vedo l’ora che giuri un governo Di Maio-Salvini”. Ora che sta per diventare realtà il governo dei populisti, se ne pente?

«Era un’affermazione in un contesto: era chiara la conclusione, quindi almeno facessero presto. Invece hanno fatto perdere al paese due mesi di tempo. Sono irresponsabili oltre che poco rispettosi delleistituzioni».

 

Si riferisce al fatto che hanno risposte picche all’appello del capo dello Stato su un governo istituzionale, nel caso in cui non riuscissero a trovare una maggioranza politica?

«Questo è l’ultimo esempio. Ma non tanto che abbiano risposto di no, bensì l’irritualità della forma in cui l’hanno fatto, senza neppure prendere in considerazione la proposta del presidente Mattarella, in 8 minuti».

 

Tuttavia nel Pd c’è chi rimprovera voi renziani di avere voluto il tanto peggio, tanto meglio? Francesco Boccia dice che è da Tso chi esulta all’accordo tra Lega e 5Stelle. Insomma potevate tentare il dialogo con i grillini?

«Il tanto peggio tanto meglio non esiste, in democrazia esistono le elezioni, l’esito e la serietà della politica. Noi avendo perso ed essendo state vinte le elezioni da due forze di grande assonanza programmatica, non potevamo che ritagliarci il ruolo di opposizione. Che non è insignificanza o marginalità, ma controllo e sprone al governo. Faremo opposizione dura però non preconcetta: se la futuramaggioranza proponesse leggi affini al nostro programma, saremmo pronti anche a votarle. La distanza del Pd da queste forze è enorme e quindi non potevamopensare a un progetto di governo Questa chiarezza premierà il Pd».

 

Se non si va a votare in modo ravvicinato, avete il tempo per fare le primarie o eleggete nell’Assemblea del 19 un segretario?

«Decideremo in assemblea verificando le posizioni nel partito e le proposte. Io penso sia importante mantenere il dna del Pd che è costituito dalle primarie. Non avendo la pressione di una tornata elettorale, mi pare si possa andare in tempi ragionevoli alle primarie».

 

Più il Pd è diviso, più si parla dell’importanza dell’unità. Ma attorno a quale segretario, Maurizio Martina o Lorenzo Guerini?

«Importante è l’unità attorno a un progetto di paese piuttosto che attorno a chi. Stabiliamo il nostro programma e poi vediamo gli interpreti. A me ora non interessa il chi. Gli attori e il segretario li vediamo dopo».

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img