spot_img
spot_img
HomeScuola e UniversitàManzi: "Dare corretta articolazione...

Manzi: “Dare corretta articolazione a figura pedagogista”
M

“Ci auguriamo che il confronto sul provvedimento prosegua ancor di più nell’ottica di una più esaustiva, rispetto a quella offerta dal testo ora in Aula, definizione di tali professioni. In particolare, riteniamo giusto dare una corretta articolazione al ruolo e alla figura del pedagogista e dell’educatore professionale socio pedagogico.
 
Le professioni educative hanno bisogno di ancor maggiore riconoscimento della propria identità e dignità professionale e la proposta che oggi esaminiamo in Aula, in particolare attraverso l’istituzione del relativo Albo professionale, vanno in questo senso, accendendo un importante focus su figure professionali di cui va rimarcata la centralità. L’esame dei contenuti di queste proposte in Aula offre l’opportunità per riflettere sulle complesse situazioni lavorative in cui gli educatori si trovano spesso a lavorare, sulla necessità di adottare una strategia multilivello (contrattuale, lavorativa, economica in termini di risorse stanziate per il sistema di welfare nel suo complesso), con un confronto franco e serio tra tutti i soggetti, istituzionali e non, coinvolti. In questo dibattito riteniamo accendere l’attenzione anche su una proposta che riteniamo centrale, come quello della comunità educante, che in tempi di grandi trasformazioni sociali, relazionali e culturali, a fronte di una crescente incertezza educativa, diventa essenziale promuovere e riconoscere a livello normativo, valorizzando proprio le competenze di figure come il pedagogista e l’educatore, capaci di sostenere ed accompagnare e sostenere l’opera della scuola (genitori, insegnanti, studenti) affinché le relazioni educative siano al centro della comunità nei vari contesti territoriali. Si tratta di temi che – partendo dal dibattito parlamentare odierno- devono entrare nell’azione e nella proposta politica”.
 
Lo ha detto intervenendo in Aula, Irene Manzi, capogruppo PD in commissione Cultura alla Camera, nella discussione sul testo unificato delle proposte di legge Disposizioni in materia di ordinamento delle professioni pedagogiche ed educative e istituzione dei relativi albi professionali.

Ultimi articoli

Correlati

La scuola targata Meloni: una patina di sovranismo e disciplina a coprire il nulla

Tutto fumo negli occhi per nascondere che la scuola non è la priorità di questo governo, se non come strumento di controllo e punizione

“Un’educazione di qualità, inclusiva e per tutti”. Messa a rischio dal ddl Calderoli

D'Elia: "La deriva regionalizzatrice della scuola imposta dall’Autonomia differenziata può costituire la fine dell’unità nazionale,creando cittadine e cittadini di serie A e di serie B"

CRUI, D’Attorre: “Auguri a Innantuoni, l’Università torni al centro del dibattito politico”

"Auguri di buon lavoro alla professoressa Giovanna Iannantuoni, appena eletta Presidente della CRUI. Per la prima volta in...

Milleproroghe, D’Attorre: “Sugli assegni di ricerca ennesima toppa di un governo incapace”

È necessario lavorare a un piano straordinario per dare sbocco alla grande quantità di posizioni precarie che si stanno attivando di qui al 2026 con i fondi PNRR

Manzi: “Il liceo del Made in Italy è stato sonoramente bocciato”

Un flop bocciato da famiglie, docenti e dirigenti scolastici: le riforme della scuola ispirate alla propaganda non funzionano
spot_img