spot_img
spot_img
HomeArchivioM5s, su firme false...

M5s, su firme false bugie e fuga da responsabilità
M

“Di Maio oramai finisce per credere alle bugie che racconta. Nessuna spiegazione davanti alle firme false, anzi agli atti c’è solo il tentativo di sminuire la gravità dei fatti con la favola dell’ errore di copiatura, mentre le firme erano false. E poi lo scarico di responsabilità con la farsa delle autosospensioni. Tredici indagati, parlamentari che si rifiutano di rispondere e che non fanno la prova calligrafica ma restano tutti al loro posto

L’ennesima Waterloo della legalità in casa M5S e dei vertici, che, a partire da Grillo, hanno prima taciuto, poi mentito e poi si sono nascosti dietro o probiviri”. Lo dichiara Ernesto Carbone, della segreteria nazionale del Pd.

 

 

 

“M5S è sempre più il partito delle bufale e delle menzogne. Tra la grillopoli delle firme false, alle bugie di Grillo, Di Maio e Di Battista che si lavano le mani di tutto, fino alle bufale seriali sparse sulla rete.
Uno vale uno è un inganno e il Movimento non esiste, è solo uno “spotnik” del blog della Casaleggio associati. Buono a far portare ad attivisti e parlamentari, pagati con i soldi pubblici, click utili solo agli interessi dei proprietari.
Zero democrazia, zero verità, zero trasparenza”. Così David Ermini, della segreteria del Pd.

 

Per Andrea Romano, parlamentare dem e condirettore de l’Unità, “Di Maio ha perso il senso della realtà e racconta solo frottole: di fronte alla gravità delle firme false a Palermo, per cui ci sono 13 indagati, si racconta la favoletta della sospensioni, nel flebile tentativo di sminuire quanto è avvenuto. Indagati muti di fronte ai magistrati e che addirittura si rifiutano di sottoporsi agli esami calligrafici per appurare la verità dei fatti. A Di Maio bisognerebbe dare l’oscar per la recitazione quando afferma che la magistratura deve fare il suo corso, se i suoi a Palermo sanno fare solo scena muta.

Per adesso quel che è certo che i paladini della legalità e dell’onestà stano dando prova dell’esatto contrario. Sicuramente mostrano la loro grande abilità nel mistificare la realtà. Più che altro sembrano i campioni delle farse, anzi delle farse a cinque stelle”.

 

“Di Maio come Ponzio Pilato: dei 13 indagati per la Grillopoli delle firme false se ne lava le mani. Cosa vuol dire che sono sospesi? Ricevono ancora lo stipendio? Saranno sospesi fino a sentenza? Chi lo decide? Il Tribunale del Blog? La verità è che sono tutti al loro posto”, sottolinea Emanuele Fiano, responsabile Sicurezza del Pd.

“L’unica cosa che ha saputo fare è stato mentire due volte: la prima sul fatto che le firme fossero false. Inchiodato poi dalle confessioni della La Rocca si è rifugiato nella buffonata delle autospensioni. Mentendo una seconda volta quando ha affermato che avevano reagito subito. Quando invece è stata necessaria l’inchiesta delle Iene per scoperchiare il caso e la confessione di un loro esponente per farlo scontrare con la realtà dell’ennesima dimostrazione di inaffidabilità istituzionale”, conclude Fiano.

 

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img