spot_img
spot_img
HomeArchivioÈ legge la nuova...

È legge la nuova disciplina del cinema e dell’audiovisivo400 mln l’anno per il settore
È


 
La Camera ha approvato in via definitiva con 281 voti a favore, 97 contrari e 11 astenuti la legge di riordino del cinema e dell’audiovisivo.
 
“Il Ddl Cinema è legge, impegno mantenuto da parte del Governo e del PD. Una riforma storica, attesa da 40 anni”. E’ quanto dichiara la deputata del Partito democratico Lorenza Bonaccorsi, relatrice in Aula del Ddl Cinema e responsabile Cultura della segreteria PD.
 
“Questa riforma – spiega Bonaccorsi – tanto attesa dal settore dell’audiovisivo mette il nostro Paese tra le realtà internazionali più avanzate in questo settore.
 
Grazie all’impegno preso dal ministro Franceschini, i decreti attuativi arriveranno già nelle prossime settimane e la legge sarà operativa già da inizio 2017.
 
I fondi per il Cinema passano a 400 milioni all’anno, con un aumento del 60% rispetto a prima.
 
Il sistema cinematografico avrà finalmente certezza delle risorse, automatismi nei finanziamenti che chiudono la stagione della discrezionalità di assegnazione, oltre alle agevolazioni per gli investimenti in Cinema e sale storiche.
 
Particolare attenzione andrà ai nuovi talenti, ai giovani autori, alle start up, alle opere prime e seconde.
 
C’è poi l’assegnazione di una parte del Fondo destinata specificamente alle scuole”.
 

 

“Una riforma importantissima, attesa da troppo tempo, che aumenta i finanziamenti per il cinema, sostiene la qualità, aiuta i giovani che vogliono impegnarsi in questo importante settore. Oggi la Camera ha dato il via libera definitivo dopo il passaggio al Senato. Un ddl che è il frutto di un lavoro di squadra concreto e proficuo e che ci vede orgogliosi perché, tra le altre cose, promuoverà la cultura cinematografica grazie anche alle risorse dedicate alla didattica nelle scuole. Stupisce e dispiace il voto contrario di Sel e M5S, ma non è una novità. Il politicismo li fa andare contro gli interessi del Paese”. Così la senatrice del Pd Francesca Puglisi, capogruppo in Commissione Cultura a Palazzo Madama, commenta l’approvazione del ddl cinema, che oggi diventa legge.

 

 

 

 
La vice presidente della Camera Marina Sereni: “Un altro importante tassello di una strategia di riforme e di innovazione. Il disegno di legge sulla disciplina del cinema e dell’audiovisivo, approvato oggi in via definitiva alla Camera, si inserisce in un percorso di rilancio e sostegno rivolto a chi fa cultura, a chi investe in cultura, a chi ama la cultura. Così, dopo la riapertura di Pompei, le domeniche al museo, l’art bonus, l’immissione di nuove professionalità nella gestione e valorizzazione del patrimonio archeologico e artistico diffuso, l’aggiornamento professionale per gli insegnanti e, ultimo in ordine di tempo, il secondo mercoledì del mese a due euro al cinema, ecco un intervento di riforma complessiva di questo settore. Si comincia con l’istituzione del Fondo per lo sviluppo degli investimenti a favore delle imprese del settore, dotato di almeno 400 milioni di euro all’anno”.
 
“Risorse importanti – continua – che permetteranno: il potenziamento degli strumenti di sostegno finanziario alle aziende, usando i già sperimentati sistemi di tax credit e tax shelter; interventi a favore delle sale cinematografiche di ‘particolare interesse storico’; incentivi urbanistici ed edilizi per le ristrutturazioni di cinema in aree degradate; un Piano straordinario per il potenziamento e il rinnovamento del circuito delle sale cinematografiche, anche di quelle attualmente chiuse o dismesse, con particolari agevolazioni per gli interventi nei Comuni con meno di 15.000 abitanti. Arrivano contributi per attività e iniziative di promozione cinematografica e audiovisiva da parte di enti pubblici e privati, università, Istituzioni AFAM, enti di ricerca, fondazioni, comitati ed associazioni culturali e di categoria. Un importo pari ad almeno il 3 per cento del Fondo sarà destinato, di concerto con il ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, ad azioni di potenziamento delle competenze cinematografiche ed audiovisive degli studenti, obiettivi già indicati dalla legge sulla Buona scuola.
 
Altro importante intervento è l’istituzione del Consiglio superiore per il cinema e l’audiovisivo che, in sostituzione della Sezione Cinema della Consulta dello Spettacolo, svolgerà attività di elaborazione delle politiche di settore”.
 
“Un altro tassello – conclude – di una strategia di riforme e di innovazione per la cultura. ‘Pane’ del presente e del futuro dell’Italia”.

 

Dossier a cura dei deputati PD

Approfondimento a cura dei deputati PD

Approfondimento a cura del Ministero dei Beni e delle Attività culturali

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img