spot_img
spot_img
HomeArchivioLa sinistra che accetta...

La sinistra che accetta le sfide
L

“Noi, il Partito democratico, siamo oggi la sinistrache ha accettato definitivamentedi assumersila responsabilità del governo.Che lavora e che decide per ilcambiamento dell’Italia. Una sinistrache, forte delle sue radici, sa che devecostantemente accettare le sfide delpresente per organizzare il futuro.
Che parla all’intero Paese non perannacquare i suoi valori e le sueproposte, ma perché il suo obiettivoè quello che, con antiche parole, sichiama interesse generale, benecomune”. Così Lorenzo Guerini in un intervento pubblicato oggi su l’Unità.

 

Se per Guerini è chiara la “collocazione nel Partito socialista europeo” del Pd, è altrettanto chiaro che il Pd”non si accontenta della situazioneattuale, consapevole di quantainnovazione abbia bisogno la sinistraeuropea”.

 

“Un partito – evidenza il vicesegretario dem – che esprime laguida del governo e che grazie allasua azione ha già riportato l’Italiaad essere considerata in modo
decisamente diverso in Europa enel mondo, non più un problemama parte decisiva della soluzione.Una comunità di uomini e didonne che vuol bene all’Italia eche sa che solo un forte, radicaleprocesso di riforme può farla tornaread essere protagonista. Lo stiamofacendo, lo sta facendo il governo,con determinazione, scommettendosulle straordinarie qualità e risorsedegli italiani”.

 

Grazie ad “un’azione di governo cheha scelto di aggredire i problemi,di non vivacchiare, di decidere, eche in 18 mesi ha cambiato il corsodelle cose”, il nostro Paese, “lo dicono inumeri su crescita e occupazione e lodice la fiducia di imprese e famiglie,sta finalmente uscendo dalla crisi.Ovviamente non basta,ancora molto lavoro c’è da fare”.

 

Il prossimo passo che accelera il cammino intrapreso è la legge di stabilità “per sostenere lacrescita e gli investimenti, per darerespiro a famiglie e imprese col taglio delle tasse e per aiutare chi è più indifficoltà e in situazione di povertà, soprattutto i bambini”.

 

“Chi ha scelto di uscireda questo percorso, se va rispettato,non ha compreso la sfida cui siamochiamati e rischia di svolgere un ruolodi retroguardia, di testimonianzama che non cambia le cose. E sembraindividui nel PD l’avversario inveceche individuarlo in chi o non vuolecambiare niente”, ammonisce Guerini.

 

“Il PD, invece, assume lasfida tutta intera, perché l’Italia selo merita, se lo meritano i cittadini – conclude il vicesegretario Pd -. Non possiamoe non vogliamo deluderli e conloro sappiamo che ce la faremo”.

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img