spot_img
spot_img
HomeArchivioIstat, la crescita dell'occupazione...

Istat, la crescita dell’occupazione giovanile conferma la bontà delle riforme
I

“I dati Istat confermano che l’azione riformatrice di questo governo sta offrendo maggiori opportunità e ridando nuove speranze ai giovani. La discesa del tasso di disoccupazione giovanile, che torna ai livelli dell’ottobre del 2012, non è solo una buona notizia per i tanti ragazzi e ragazze in più che si affacciano al mondo del lavoro, ma è un dato, insieme alle stime che danno un Pil in crescita dell’1%, che ci sprona a proseguire con grande determinazione in questa direzione.

Con la Legge di Bilancio 2017, già approvata dalla Camera ed ora in discussione al Senato, continuiamo a scommettere sui giovani con la decontribuzione per le aziende che li assumono e con la riduzione del costo del lavoro, e sosteniamo con maggiori risorse il diritto allo studio e alla cultura.

Ma per rafforzare questo percorso riformatore serve anche rinnovare le nostre istituzioni con iter legislativi più rapidi e maggiore partecipazione popolare. E per far questo domenica prossima ‘Basta un Sì’”. Così Stefania Covello, Responsabile Pd Mezzogiorno e Fondi Ue commentanto i dati pubblicati oggi dall’Istat sull’occupazione.

 

Lorenzo Guerini, vicesegretario del Pd e Filippo Taddei, responsabile Economia e Lavoro del Pd scrivono su Twitter:

 

 

 

Per Ernesto Carbone, componente della segreteria del Pd: “”Continua a calare il tasso di disoccupazione in particolare quella giovanile. Aumenta il Pil e come ha segnalato l’Ocse cala la pressione fiscale. È il segnale che le riforme stanno funzionando”.

“Le misure contenute nella legge di bilancio e dall’altra il rinnovo del contratto della P.A. – continua Carbone – contribuiranno ulteriormente a sostenere e rafforzare la ripresa della nostra economia. Tutto questo con buona pace dei profeti di sventura che o non sanno cosa fare, o quando hanno fatto hanno prodotto solo disastri.”

 

“Iniziamo dicembre con due ottime notizie: la revisione al rialzo della crescita del Pil per il terzo trimestre del 2016, che si attesta all’1% su base annua, e la firma storica del rinnovo del contratto dei dipendenti pubblici, dopo 7 anni. Le riforme hanno creato un clima di fiducia che continua a sostenere la crescita. La chiusura del contratto della Pa è un altro risultato importante di un governo che sta migliorando il Paese”. Lo dice la senatrice del Pd Maria Spilabotte, vicepresidente della Commissione Lavoro.

 

“La disoccupazione dei più giovani è stata la vera piaga degli ultimi anni e ha impedito a molti anche solo DI pensare un futuro nel nostro Paese. I dati di oggi provano che la disoccupazione diminuisce, in particolare quella giovanile che raggiunge il tasso più basso degli ultimi 4 anni, e che il Pil aumenta, così quella che era una speranza di ripresa diviene certezza”. Così Titti Di Salvo, vicepresidente dei deputati Pd, commentando i dati Istat.

“È una buona notizia che invita a continuare nella strada intrapresa fin qui. Anche se è vero che i dati occupazionali sul breve periodo sono poco significativi perché risentono DI troppe variabili congiunturali, emerge su base annua la conferma di una tendenza positiva e la diminuzione della disoccupazione. La strada giusta è stata segnata e- spiega deputata Dem- anche la legge di Bilancio è andata in questa direzione: più investimenti per l’innovazione, che produrranno nuova occupazione qualificata, per il lavoro giovanile, con le risorse per sostenere l’alternanza scuola-lavoro e incentivare l’assunzione di giovani,e per il Sud, con la decontribuzione totale per i neo assunti. Alla nuova occupazione contribuirà anche la possibilità di uscita anticipata dal lavoro prevista dalla Legge di bilancio con le nuove regole sul cumulo gratuito, sull’Ape, sui lavori precoci e usuranti”.

“Dunque i dati della disoccupazione sono positivi, quelli sul Pil sono più che confortanti, e insieme alla ottima notizia dello stop al precariato del pubblico impiego e il rinnovo del contratto, atteso da sette anni, per i tre milioni e trecentomila lavoratori e lavoratrici- conclude Di Salvo- possiamo guardare al futuro con ottimismo e proseguire con determinazione sulla strada delle riforme”.

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img