spot_img
spot_img
HomeDirittiIlaria Salis rimane in...

Ilaria Salis rimane in carcere. Schlein: “Schiaffo irricevibile, Meloni reagisca subito”

Ilaria Salis resta in cella. Il tribunale di Budapest ha respinto la richiesta di passare ai domiciliari in Ungheria, presentata dai legali della trentanovenne, in carcere da 13 mesi con l’accusa di aver aggredito due esponenti di estrema destra perché “esiste ancora un rischio di fuga”. La segretaria del Pd Elly Schlein ha commentato a caldo: “Dopo essere stata portata ancora una volta in Aula catene ai polsi, alle caviglie e guinzaglio, oggi i giudici ungheresi hanno deciso anche di negarle gli arresti domiciliari. Uno schiaffo irricevibile ai diritti di una persona detenuta, di una nostra connazionale. Ci aspettiamo che il governo di Giorgia Meloni reagisca, subito.” 

Dello stesso tenore anche il commento del padre di Ilaria, Roberto Salis: “I nostri ministri non hanno fatto una bella figura e il governo italiano dovrebbe fare un esame di coscienza. Le catene non dipendono dal giudice ma dal sistema carcerario e quindi esecutivo e il governo italiano può e deve fare qualcosa perché mia figlia non sia trattata come un cane” ha aggiunto.

Questa mattina, infatti, la donna italiana è entrata in Aula con le manette a polsi e caviglie. Esattamente come accaduto nell’udienza del 29 gennaio scorso. Nulla cambia, anche stavolta. Si dovrà aspettare la prossima udienza, fissata per il 24 maggio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Partito Democratico (@partitodemocratico)

E anche il clima in Aula non era dei più sereni. Gli avvocati e amici delle donna sono stati infatti minacciati da estremisti di estrema destra con frasi del tipo: “Stai zitto o ti spacco la testa”.

“Ci aspettavano e ci hanno insultato e minacciato in ungherese,” ha detto l’avvocato Eugenio Losco. “Ci hanno fatto delle riprese con i telefonini, ci hanno ripreso e il nostro traduttore ci ha detto che ci stavano minacciando”, ha proseguito Losco. Del gruppo di una quindicina di persone italiane minacciate faceva parte anche Zerocalcare, oltre a esponenti di Giuristi democratici.

In Aula anche alcuni parlamentari italiani, fra cui Laura Boldrini che con un tweet ha denunciato le condizioni in aula di Salis.

“Io mi auguro che la signora Salis possa essere assolta, ho visto che oggi è stata portata in aula ancora in manette e catene ma pare che poi gliele hanno tolte. Non è un bel modo, non mi pare ci sia pericolo di fuga. Detto questo eviterei di politicizzare il caso se no si rischia lo scontro”. Così il vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani a Sky Tg24 mentre è in corso a Budapest l’udienza per la cittadina italiana.

Gli risponde a distanza la responsabile Giustizia nella segreteria del Pd Debora Serracchiani che in una nota scrive: “Questo non è un episodio della politica interna italiana e nessuno ha interesse a strumentalizzare la situazione di una concittadina trattata indegnamente, la questione è di rapporti tra Stati e la premier Meloni dovrebbe rigettare questa vera e propria provocazione, questo insulto che arriva da Budapest direttamente a Roma”.

Il responsabile Esteri nella segreteria nazionale del PD, Peppe Provenzano chiede direttamente al Governo di risolvere la questione: “Calpestata la civiltà del diritto europea. Insultata la dignità dell’Italia. Avevamo chiesto al Governo di attivarsi presso il loro amico Orban per riportare a casa Ilaria Salis, garantendole un giusto processo. Resta una domanda. Ma che razza di patrioti siete?”.

Ultimi articoli

Correlati

Giù le mani dalla 194: sul corpo delle donne decidono le donne

Difendiamo i nostri diritti contro una destra che tenta di smontare pezzo per pezzo la legge 194

Prevenzione e lotta al cancro, le proposte del Pd

Scienza e politica siano sempre alleate per la salute e il benessere dei cittadini

Ponte sullo Stretto, progetto arrogante e fallimentare. Un ecomostro irrealizzabile

Il Partito democratico ha effettuato un'analisi dettagliata e molto critica sul progetto di costruzione del Ponte sullo Stretto di Messina, evidenziando numerose irregolarità procedurali e potenziali impatti negativi

Europee 2024, Elly Schlein lancia la nuova campagna del PD

La segretaria dem incontra la stampa estera e presenta la campagna verso le elezioni europee 2024

Riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario: una sperimentazione che funziona

"Io sono favorevole a prevedere strumenti per incentivare la contrattazione collettiva e aziendale per la sperimentazione della riduzione...
spot_img