spot_img
spot_img
HomeDonneIl regime iraniano continua...

Il regime iraniano continua a uccidere. La voce delle donne non deve essere spenta
I

“Donna, Vita e Libertà!”. Abbiamo imparato a conoscere questo slogan cantato a squarciagola nelle piazze iraniane dalle donne in lotta per i propri diritti. Lo abbiamo sentito, amplificato e condiviso anche qui in Occidente. Ma stavolta non è bastato a salvare la vita di un’altra sposa bambina, vittima della violenza degli uomini e di un regime antidemocratico.

All’alba di questa mattina Samira Sabzian è, infatti, stata impiccata. Data in matrimonio quando aveva 15 anni, era stata vittima di violenza domestica. Nel 2013 l’avevano accusata di aver ucciso il marito e condannata alla pena capitale. Ha trascorso 10 anni nel braccio della morte senza vedere i suoi figli. Li ha incontrati soltanto per dirgli addio.

In molti, in tutto il mondo, si erano mobilitati per salvargli la vita ma non è servito a niente.

“Dall’Italia giunga la più ferma condanna al regime iraniano, un regime che ogni giorno continua a uccidere i suoi figli e le sue figlie” ha scritto sui social Peppe Provenzano, responsabile Esteri, Europa e cooperazione internazionale nella segreteria Pd.

La Repubblica Islamica ha il più alto numero di esecuzioni pro capite al mondo. Soltanto nel 2023 sono 18 le donne che sono state giustiziate, ma di loro si sa poco o nulla. Nessuna delle esecuzioni di donne registrate da Iran Human Rights nel 2022 e nel 2023, infatti, è stata riportata da fonti ufficiali perché alle donne non vengono riconosciuti gli stessi diritti davanti alla legge e sono continuamente vittime di ostracismi sociali.

Ultimi articoli

Correlati

“È il momento di batterci per un’Europa sociale, siamo qui per vincere”, l’intervento di Elly Schlein al Congresso PSE

“Il risultato deve ancora essere scritto: siamo qui per vincere”. Sulle note di Bella ciao dei Modena City...

Nicolas Schmit: “Il vento sta cambiando, andiamo a vincere”

"Prendiamo ispirazione dal grande risultato ottenuto in Sardegna. Grazie Elly: è vero, il vento sta cambiando. Andiamo a...
00:00:00

L’Europa che vogliamo. Sociale, democratica, sostenibile

In diretta dal Centro congressi "La Nuvola" di Roma i lavori del Congresso elettorale del Partito Socialista Europeo

A Gaza orrore senza fine: cessate il fuoco subito

Questo massacro di civili deve finire. Lo chiediamo da ottobre

“Noi portiamo qui la famiglia Pse in Congresso, altri gli amici di Putin”

Il Pse è l'unico argine per l'avanzata delle destre e per evitare che l'Europa si chiuda e guardi all'indietro
spot_img