spot_img
spot_img
HomeEconomia e lavoroGuerra: "Sul fisco nessuna...

Guerra: “Sul fisco nessuna riforma. Solo un vestito pieno di toppe”
G

Una riforma fiscale dovrebbe portare a un disegno organico della tassazione, che ponga rimedio alle stratificazioni e agli interventi estemporanei del passato. Invece, con il primo decreto legislativo di attuazione della delega fiscale, il vestito di Arlecchino che è diventata la nostra Irpef diventa sempre più pieno di toppe.
 
Così Maria Cecilia Guerra, responsabile Lavoro del PD in una lettera al direttore di Domani
 

“L’Irpef è una imposta progressiva per scaglioni: gli scaglioni sono quattro, ma, solo per il 2024, diventano tre, portando ai contribuenti un beneficio che vale per chi ha meno di 15 mila euro e raggiunge il suo valore massimo, 260 euro, per chi ha 28.000 euro o più. Questa modifica richiede a tutti i Comuni e le Regioni che applicano una addizionale articolata in scaglioni di modificare la struttura del loro prelievo locale, per un solo anno, perché i limiti degli scaglioni delle addizionali devono essere gli stessi di quelli dell’Irpef nazionale.
 
I lavoratori autonomi che rientrano nel regime Irpef dovranno versare gli acconti con riferimento alle vecchie aliquote, anche per l’anno in cui si applicano quelle nuove, provvisorie.
 
L’Irpef ha poi una struttura articolata di detrazioni dall’imposta. Le più rilevanti sono quelle per tipologie di reddito: lavoro dipendente, autonomo e pensioni. Queste detrazioni variano in funzione del livello di reddito e annullano le imposte dovute dai redditi più bassi, determinando delle aree di esenzione. Per il solo 2024, la soglia di esenzione per i lavoratori dipendenti viene aumentata per renderla uguale a quella dei pensionati, con un guadagno, peri redditi fra 8174 e 8500 euro, di 75 euro. Ma questo innalzamento rischia, paradossalmente, di creare una seria perdita a quegli stessi lavoratori dipendenti, perché interagisce con un altro istituto: il trattamento integrativo che ha assorbito il vecchio bonus degli 80 euro.
 
Poi ci sono le detrazioni di imposta per spese considerate meritevoli di tutela o da incentivare. Le più importanti, quelle per spese sanitarie e per interessi su mutui prima casa, sono uguali per tutti i contribuenti. Quelle per le tasse scolastiche, per i funerali, eccetera cominciano a calare auando i redditi raggiungono i 120 mila euro e si annullano a 240 mila euro. Con il decreto, solo per il 2024, le detrazioni per i redditi superiori a 50.000 euro verranno diminuite di 260 euro. Quei redditi avranno quindi diritto a 260 euro in meno di sconto fiscale ad esempio sulle spese sanitarie.
 
Ora la domanda è: che senso ha impostare una riforma fiscale partendo con modifiche per un solo anno, prive di copertura per gli anni seguenti, complicate e illogiche, con una distribuzione casuale di un vantaggio molto modesto, fingendo che sia il primo gradino di una riforma, ancora da disegnare, ma sicuramente insostenibile nella sua promessa più forte, quella di una fiat tax per tutti?

Ultimi articoli

Correlati

Pasticcio Pnrr, spesi meno della metà dei fondi. E il governo si sottrae al confronto

il governo sta danneggiando il Paese. Boccia a La Russa: "Fitto si sottrae al confronto"

Pnrr, Misiani: “Transizione 5.0 in alto mare, governo non pervenuto”

“Il programma Transizione 5.0 annunciato trionfalmente dal ministro Urso è a ‘carissimo amico’, stando a quello che riportano...

“Le morti sul lavoro non sono una fatalità ma una vera tragedia”. Parla Maria Cecilia Guerra

All’indomani dell’ennesima strage sul lavoro – i cinque morti nel cantiere di Firenze – si riaccende l’attenzione su un tema che non dovrebbe mai vederla spenta: la sicurezza sul lavoro. Qual è la situazione nel nostro Paese, e cosa serve per intervenire davvero?

La sicurezza dei lavoratori prima di tutto: basta sub appalti a cascata

L'idea della segretaria dem: "Chiediamo si estenda anche al privato l'obbligo di utilizzo del contratto edile"

Pil, Misiani: “Le previsioni Ue confermano la stasi dell’economia italiana

“Le previsioni economiche della Commissione Ue confermano purtroppo la stasi dell’economia italiana. Nel 2024 la crescita sarà molto...
spot_img