spot_img
spot_img
HomeArchivioIl governo dei territori,...

Il governo dei territori, nuove architetture
I

Riforma costituzionale, semplificazione amministrativa, dalle province alle città metropolitane, infrastrutture, questi i temi principali affrontati sul palco centrale della Festa nazionale de l’Unità 2016 dove Enrico Costa, Guglielmo Epifani e Riccardo Nencini hanno partecipato al dibattito “Il governo dei territori, nuove architetture”.

Per il ministro Costa “il percorso che si sta per concludere con la riforma costituzionale ha lo scopo di mettere in asse il sistema sul rapporto tra lo stato e le autonomie locali. Siamo davanti alla sfida per l’affermazione del Senato come Camera delle Autonomie locali, una sfida iniziata tanto tempo fa dove la creazione delle città metropolitane è solo un tassello sebbene importantissimo. L’articolo 116 comma terzo parla proprio di concessione di maggiore autonomia agli enti locali, negli spazi consentiti dalla Costituzione. In altre parole alcune specificità regionali possono essere trattate direttamente dai territori. Questo è un passaggio chiave non solo geografico ma, soprattutto, culturale. Vogliamo una semplificazione che non mette solo insieme i comuni, ad esempio, ma mette a sistema un paese che cambia restando legato al territorio. Non si procede a nessuna fusione senza una base comune nei territori

Per Nencini “dentro la globalizzazione servono collocazioni territoriali più robuste e omogenee. Se continuiamo a lavorare con un numero di comuni alto e ‘tagliato’ come erano le diocesi cristiane medioevali non andiamo da nessuna parte. Con circa 15 enti che agiscono sul territorio e con l’indefinitezza delle province non si possono dare risposte concrete alle difficoltà in cui versano oggi le infrastrutture italiane. Le città metropolitane sono il perno su cui costruire l’Italia del domani perché rappresentano il centro di conoscenza e opportunità di lavoro e di sviluppo. La città rende liberi”.

“In Italia – ha continuato Nencini – i due terzi del traffico aereo italiano passa per i soli scali di Fiumicino, Fiumicino e Venezia. Questo non significa che occorre eliminare i 107 aeroporti italiani ma che bisogna mettere a sistema e razionalizzare le infrastrutture nazionali. Lo stesso discorso vale anche i porti e il trasporto su rotaia. Per questo ribadisco la necessità di lavorare sul territorio e semplificalo”.

Per Epifani “tutti i dati ci dicono che le molle dello sviluppo sono nelle mani e nei governi degli enti locali. I modelli di sviluppo più forti nel mondo sono basati sulle aree urbane perché più dinamiche e più propense allo sviluppo. Basta pensare che i 2/3 degli investimenti pubblici in Italia passano per gli enti locali. Questo fa capire come il territorio e lo sviluppo sono legati in maniera indissolubile. La riforma costituzionale deve tenerne conto. Certo, il processo di riforma è complesso e ambizioso e ha ancora qualche difficoltà e problemi irrisolti. Non possiamo perdere troppo tempo su cavilli della riforma perché questo fa fermare il processo stesso e ci fa dimenticare il perché è necessario fare la riforma. Il problema non è spendere le poche risorse che si hanno ma come spenderle per migliorare. Nell’era della globalizzazione, non siamo solo cittadini del mondo ma siamo cittadini del nostro territorio dove cresce il senso di appartenenza, la cooperazione perché il territorio è il luogo dove si riparte per crescere dopo la crisi. C’è da fare di più e c’è da fare di meglio”.

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img