spot_img
spot_img
HomeGiustiziaGiustizia, Serracchiani: "Nordio esalta...

Giustizia, Serracchiani: “Nordio esalta riforme presunte”

Oggi Nordio esalta presunte riforme che non servono ai cittadini né a far funzionare meglio la giustizia. Viene a rincalzo di Meloni che proprio ieri ha preso la giustizia e l’ha usata come collante della sua litigiosa maggioranza. Con le sbandate quotidiane e gli schiaffi in economia, a Meloni rimangono solo le battaglie di bandiera ideologica, come migranti e giustizia”.
 
Lo dichiara Debora Serracchiani, responsabile Giustizia del Pd, criticando le dichiarazioni del ministro della Giustizia Carlo Nordio alla 14esima edizione del Salone della Giustizia.
 
“Dalla separazione delle carriere che dividerà il Paese e lederà i principi fondanti della nostra Costituzione alla famigerata prescrizione che allunga i processi e mette a rischio i fondi Pnrr” – elenca Serracchiani – dal Csm con il folcloristico sorteggio dei magistrati all’obbligatorietà dell’azione legge penale. Nessuno crede che così migliorerà il sistema giustizia in Italia ma – puntualizza la deputata dem – in molti temono che si scivoli verso modelli meno garantisti ed equilibrati“.

Ultimi articoli

Correlati

Serracchiani: Con le legge Nordio cade l’unica forma di difesa contro gli abusi di potere

La responsabile Giustizia del Pd a Repubblica: il solito provvedimento bandiera

Sciogliere i movimenti di matrice fascista: il Pd al presidio a Roma

Quanto dobbiamo aspettare perché Piantedosi faccia il suo dovere?

Emergenza suicidi in carcere, il governo è inerte ma non si può aspettare oltre

44 i suicidi dall'inizio dell'anno, ma il Governo continua a voltarsi dall'altra parte. Occorre intervenire sul sovraffollamento fuori controllo e spingere sulle misure alternative

Riforma della giustizia, l’ultimo dividendo del governo in chiave elettorale

Il prezzo che la Meloni paga a Forza Italia per la tenuta del governo. Siamo all'ennesimo baratto: la Costituzione viene sfregiata e sacrificata per un patto di potere

Ddl diffamazione: no al tentativo di intimorire e imbavagliare la stampa

Rossomando: "Qui discutiamo di libertà e potere, e sulla direzione che devono prendere le democrazie"
spot_img