spot_img
spot_img
HomeGiustiziaGarante detenuti, Serracchiani: la...

Garante detenuti, Serracchiani: la nomina D’Ettore è contra legem
G

“Apprendiamo da un articolo de la Repubblica che il ministro Nordio avrebbe completato la terna che forma il collegio del Garante dei detenuti. Invitiamo la presidente del Consiglio ad una profonda riflessione per almeno due ordini di motivi. Qualora, infatti, sia vero che il presidente del collegio sarà il Prof. Felice Maurizio D’Ettore, già deputato di Fi e ora di Fdi, professore universitario di diritto privato presso l’Università di Firenze, vi sarebbe una evidente incompatibilità rispetto a questo previsto al comma 2 dell’articolo 7 della legge istitutiva dell’organo, in cui si stabilisce che i suoi membri ‘sono scelti tra persone, non dipendenti delle pubbliche amministrazioni, che assicurano indipendenza e competenza nelle discipline afferenti la tutela dei diritti umani'”.

Così in una nota Debora Serracchiani, responsabile Giustizia nella segreteria Nazionale del Partito democratico.

“I professori universitari – spiega la deputata dem – come noto sono pubblici dipendenti a tutti gli effetti e rientrano nel personale delle pubbliche amministrazioni non contrattualizzato. In tutta evidenza, quindi, la nomina del Prof. D’Ettore, professore di diritto privato e apparentemente non competente nelle discipline proprie dell’attività del garante, appare contra legem.

“Inoltre – aggiunge Serracchiani – apprendiamo trattarsi di una terna formata da soli uomini. Ci domandiamo pertanto se la Presidente ed il Ministro siano davvero orientati a portare in Cdm questa nomina, nella forma indicata, in contrasto a un basilare principio di rispetto delle regole e del genere, che evidentemente ad entrambi sembra non interessare”.

Ultimi articoli

Correlati

Impennata dei minori detenuti, la giustizia minorile non meritava il dl Caivano

Presentato il settimo rapporto Antigone sulla giustizia minorile. Serracchiani: "Hanno stravolto il processo minorile"

Al via finalmente il processo Regeni: una giornata importante

Noi continuiamo a stare a fianco della famiglia nella ricerca di verità e giustizia

Giustizia, Orlando: “Quello del governo è un garantismo di classe”

104 sì, 56 no e nessun astenuto: l'Aula del Senato ha approvato il ddl Nordio, ora la parola passa...
03:07:41

Emergenza carcere, la svolta necessaria

Di fronte alla tragedia dei suicidi in carcere, il governo esita, nonostante il segnale lanciato dal presidente Mattarella. Il PD ne parla in un convegno

Abuso d’ufficio: le proposte concrete a tutela dei sindaci e della legalità

Continueremo a batterci per tutelare i sindaci e al contempo la legalità. Tenere insieme queste sfide è possibile
spot_img