spot_img
spot_img
HomeWelfareFurfaro: "Vogliono Italia precaria,...

Furfaro: “Vogliono Italia precaria, sono traditori della patria”

“Hanno abolito il reddito di cittadinanza, definanziato completamente il fondo affitti, dicono no al salario minimo, estendono la platea dei voucher e la possibilità di usare contratti a termini. La ministra Calderone oggi conferma semplicemente l’idea di società che ha la destra di Giorgia Meloni: un’Italia piccola piccola, dove tante persone devono essere messe in condizioni di ricattabilità – quindi senza nessun aiuto dallo Stato – in modo che accettino condizioni di lavoro indecenti e a qualsiasi cifra per sopravvivere. Sono traditori della patria, perché così va definito chi privilegia chi sfrutta i lavoratori e non vuole limiti allo sfruttamento. Stanno costruendo un’Italia dove si dice al nostro sistema economico e produttivo di giocarsi la partita al ribasso sul costo del lavoro anziché su innovazione e qualità del prodotto imprenditoriale, è l’Italia della rendita e della precarietà, una presa in giro per gli italiani che ogni giorno faticano e mandano avanti il Paese”.

Così Marco Furfaro, componente della segreteria nazionale del Pd

Ultimi articoli

Correlati

Dal governo uno spottone elettorale che costa 800 milioni. Quei soldi si potevano usare per la sanità pubblica

Schlein al Corriere della Sera: "Una presa in giro il decreto sulle liste d'attesa. Dalla destra solo misure spot"

Sereni: “Senza assunzioni nella sanità nulla potrà cambiare, così il governo illude chi non riesce a curarsi”

La responsabile Salute e sanità dem a Repubblica: "Fare un decreto fuffa quattro giorni prima del voto è un'offesa per chi oggi soffre e non riesce a curarsi"

Il decreto “anti liste d’attesa” è un bicchiere tutto vuoto. Si voti subito la legge Schlein

Senza coperture e senza tempi certi, un bluff elettorale. Sereni: "Solo con Legge Schlein soluzioni per cittadini e professionisti"

La sanità pubblica è al collasso: ecco le storie che Meloni non racconta al Paese

Votiamo subito la legge Schlein per portare al 7,5% la spesa sanitaria in rapporto al PIL, abbattere le liste d’attesa e mettere in campo un grande piano di assunzioni di medici e infermieri

No a decreti elettorali, il governo Meloni voti la legge Schlein sulla sanità

Sereni: Meloni non ha mai ammesso la grave crisi della sanità pubblica. Non servono decreti sulle liste d'attesa a pochi giorni dal voto, ma scelte di fondo
spot_img