spot_img
spot_img
HomeArchivioFranceschini: si torna ad...

Franceschini: si torna ad investire in cultura
F

“Sono anni che si taglia la cultura. Renzi è stato sindaco di Firenze sa cosa vuol dire investire in turismo, cultura”. Lo afferma al Sole 24 Ore il ministro della Cultura, Dario Franceschini che sui 200 milioni di stanziamenti previsti dalla manovra, assicura: “Sono cifre scritte a penna nella legge di stabilità inviata al Parlamento, non credo proprio che il Parlamento ridurrà gli incrementi alla cultura”.

 

Alla domanda su come abbia convinto il premier Renzi a investire sulla cultura, Franceschini replica: “Non c’è stato bisogno di convincerlo, è chiaro che un investimento in cultura è un grande contributo alla crescita economica del paese. Io l’ho detto il primo giorno, mi sento chiamato a guidare il ministero economico più importante. La politica nazionale non ci ha creduto, se ci crede darà un grande contributo a creare occupazione e a tutelare il patrimonio”.

 

Sull’obiettivo di trasformare la cultura in un servizio pubblico essenziale per evitare situazioni come quelle che si sono create dopo lo sciopero del Colosseo, Franceschini spiega: “L’abbiamo fatto, il decreto legge sta andando avanti, non si
può immaginare di avere turisti in fila che arrivano da tutto il mondo, le immagini negative che girano in tutte le televisioni del pianeta, per esercitare un diritto che può essere esercitato ma in un altro modo compatibile con il diritto dei turisti”.

 

I diritti dei turisti e quelli dei lavoratori, aggiunge, “possono essere esercitati non in contrasto, non è che saranno vietati gli scioperi o le assemblee, si faranno in modo da garantire contemporaneamente l’apertura”.

 

Sulla scelta di nominare alle direzioni dei musei 19 esterni e sette stranieri, su 20 nomine, Franceschini precisa: “Non c’è nessun straniero sono tutti europei”, “è stata una polemica assurda. Il direttore della National Gallery, e parliamo dell’ Inghilterra èun italiano, pochi giorni fa è stato nominato direttore del British Museum un tedesco, nessuno ha gridato vergogna non abbiamo dato i posti agli inglesi”.

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img