spot_img
spot_img
HomeArchivioFirme false a Palermo,...

Firme false a Palermo, riecco Luigi Di Mail?

“Da Palermo nuovi e gravi particolari emergono sul caso delle firme false che coinvolgono il M5S e in particolare Luigi Di Maio. Un’altra mail non capita? che lo inchioderebbe alle sue responsabilità, che lo informava di quanto stava accadendo nel capoluogo siciliano, ossia la falsificazione di 2000 firme nel 2012, prima delle elezioni comunali. Mail, che lo stesso Di Maio ammette di aver ricevuto ‘lo scorso 12 settembre’, come riporta chiaramente oggi la stampa. Anche questa volta, dopo il caso della mail inoltratagli dalla Taverna sul caso Muraro a Roma, Di Maio non ha capito o sottovalutato i fatti gravissimi che avvenivano a Palermo? Possibile che un paladino dell’onestà e della trasparenza come Di Maio sia scivolato in un errore madornale per una seconda volta?. Lo stesso Grillo sapeva, come ricostruisce ancora la stampa, e perché ha fatto finto di nulla? Ancora una volta Di Maio è al centro di una vicenda dai contorni opachi. Cosa si inventerà questa volta?”. Così Ernesto Carbone, della segreteria nazionale del Pd, sulla vicenda della falsificazione di firme per la presentazione delle liste pentastellate alle elezioni comunali nel capoluogo siciliano nel 2012.

 

Una “inquietante pantomima pentastellata” la definisce Giuseppina Maturani, vicepresidente del gruppo Pd a Palazzo Madama: “Giorno dopo giorno vengono fuori altre mail che mettono nei guai Di Maio. Mail anonime che lo mettevano al corrente della falsificazione delle 2mila firme a Palermo per le elezioni comunali. Una brutta vicenda da cui traspare il coinvolgimento degli stessi vertici pentastellati. Un clima da film poliziesco, peccato che si parla di elezioni comunali e che i protagonisti siano i militanti di un movimento che continua a definirsi onesto e trasparente. Quando finirà questa inquietante pantomima sarà sempre troppo tardi per chi continua a credere nella forza del libero confronto democratico e nella responsabilità del proprio impegno politico, soprattutto per rispetto dei cittadini”.

 

“E siamo a due. Ancora una volta l’ineffabile Di Maio non guarda la posta e non si accorge di qualcosa di importante, e di illegale, che gli viene segnalato”. Lo dichiara la senatrice Pd Pamela Orrù, che continua: Come scritto oggi sui giornali – prosegue Orrù – Di Maio su Palermo era stato informato via mail, le voci di operazioni fuorilegge sulla raccolta delle firme per le elezioni comunali sarebbero giunte addirittura fino all’Olimpo, allo stesso Grillo, che nei giorni scorsi ha ringraziato le Iene per il servizio televisivo, salvo poi che importanti militanti del M5S in Sicilia hanno annunciato querele. Insomma, nella migliore delle ipotesi, molta confusione sotto il cielo. Nella peggiore – conclude – qualcuno in alto tra le stelle sta mentendo”.

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img