spot_img
spot_img
HomeComunicati stampaEndometriosi: Pd, ribadiamo impegno...

Endometriosi: Pd, ribadiamo impegno per il pieno diritto alla salute

“Nella giornata mondiale contro l’endometriosi ribadiamo l’impegno del Partito Democratico nella battaglia per il pieno diritto alla salute, che vuol dire anche per una sempre maggiore sensibilizzazione sulle malattie ‘invisibili’, ancora spesso oggetto di sottovalutazione e di grandi lacune in termini di investimenti in ricerca e prevenzione.

L’endometriosi è una malattia cronica che può essere molto invalidante, ancora non considerata a sufficienza. Nonostante la diffusione (sono 3 milioni le diagnosi, cifra senz’altro sottostimata sia per la reticenza di chi si ammala a sottoporsi a esami specialistici pur in presenza di forti dolori, sia per diagnosi inappropriate), troppo spesso pesano ancora stigmi e cliché dannosi legati al ciclo mestruale e ad una presunta “normalità” del dolore dello stesso, senza riconoscere quindi i sintomi di una malattia che comporta diversi rischi per le persone che ne sono afflitte.

È fondamentale continuare a sensibilizzare e diffondere informazioni sull’endometriosi, in particolare all’interno delle strutture di assistenza e del personale sanitario, ma più in generale in tutta la società.

Crediamo occorra sviluppare con capillarità una rete assistenziale pubblica di più competenze specialistiche, dove tutti i professionisti siano in grado di porre il sospetto diagnostico o diagnosticare la patologia, ed indirizzare le pazienti ad un corretto trattamento.

Con l’occasione ricordiamo e ribadiamo l’importanza di alcune proposte nate dal lavoro del Partito Democratico, come le leggi regionali e quella nazionale a tutela delle persone affette da endometriosi, e come la proposta di legge di alcune nostre parlamentari per l’introduzione del congedo mestruale, che consente l’assenza giustificata dal lavoro per le persone che possono dimostrare clinicamente di avere un ciclo particolarmente doloroso.

Gli effetti dello stigma legato alle mestruazioni non sono solo sociali, ma anche economici e materiali: ci battiamo per la giustizia, affinché non accada più a nessuna di non ricevere informazioni adeguate rispetto alla gestione del proprio ciclo mestruale, di non poter scegliere liberamente per il proprio corpo, di essere oggetto di tabù e stereotipi sull’argomento, di dover rinunciare a praticare sport, a uscire, a partecipare a occasioni sociali per vergogna, imbarazzo o per una mancata diagnosi e cura.”

Lo dichiarano Marina Sereni, responsabile Salute nella segreteria nazionale Pd, Rachele Scarpa, responsabile Pd giovani e salute e Paola Boldrini, responsabile Pd medicina di genere.

Ultimi articoli

Ultimi comunicati

Università, D’Attorre (Pd): condanna per violenze, ma nessuna militarizzazione atenei come vuole destra

Università, D'Attorre (Pd): condanna per violenze, ma nessuna militarizzazione atenei come vuole destra "Oggi il Pd ha organizzato una...

Ue, Schlein: nuovo fondo Next Generation Eu per investimenti comuni nei beni pubblici europei

Ue, Schlein: nuovo fondo Next Generation Eu per investimenti comuni nei beni pubblici europei “Continuare a investire nel futuro...

Rai, Ruotolo (Pd): D’accordo con sciopero, subito riforma governance prima che declino diventi irreversibile

Rai, Ruotolo (Pd): D'accordo con sciopero, subito riforma governance prima che declino diventi irreversibile “Siamo pienamente d’accordo con l’assemblea...

Sanità, Laureti (Pd): Con liste d’attesa e meno risorse, destra discrimina e umilia persone meno abbienti

Sanità, Laureti (Pd): Con liste d'attesa e meno risorse, destra discrimina e umilia persone meno abbienti "Secondo dati diffusi...

Sereni (Pd), da ISTAT dati sempre più allarmanti. Troppi italiani costretti a rinunciare alle cure

Salute: Sereni (Pd), da ISTAT dati sempre più allarmanti. Troppi italiani costretti a rinunciare alle cure "Oggi l’Istat, nel...