spot_img
spot_img
HomeWelfareDCA, Furfaro: "Basta ipocrisia,...

DCA, Furfaro: “Basta ipocrisia, subito il fondo e il decreto per i LeA”

“Gli attacchi che questo governo ha riservato alle persone più fragili non si contano nemmeno più. Il mancato finanziamento del fondo nazionale contro i disturbi della nutrizione e dell’alimentazione è un atto vergognoso, che da giorni ormai sta indignando l’opinione pubblica e sta producendo una mobilitazione nella società civile.

I DCA (disturbi del comportamento alimentare) sono una vera e propria emergenza, colpiscono oltre 4 milioni di italiani e causano 4000 morti ogni anno.

Il taglio dei finanziamenti fa precipitare la situazione, con liste d’attesa che si allungheranno e il rischio di interruzione di percorsi terapeutici delicati e lunghi. Non possiamo permettere che questa scelta venga confermata.

Come Partito democratico siamo al fianco delle mobilitazioni portate avanti delle associazioni e dalle famiglie. Dico al governo di smetterla con le parole e agire. Va ripristinato immediatamente il fondo e, soprattutto, va applicata e attuata la legge del 2021, rendendo operativa un’area specifica all’interno dei Lea (Livelli essenziali di Assistenza) per i disturbi alimentari, dotando di un budget specifico che obblighi ogni regione ad attuare i livelli essenziali di assistenza per queste malattie.

Il governo si fermi immediatamente e ascolti le associazioni e le famiglie perché sta giocando con la vita e con il dolore di migliaia di persone”.

Lo afferma Marco Furfaro, capogruppo in commissione Affari Sociali e componente della segreteria nazionale del Partito Democratico.

Ultimi articoli

Correlati

Dal governo uno spottone elettorale che costa 800 milioni. Quei soldi si potevano usare per la sanità pubblica

Schlein al Corriere della Sera: "Una presa in giro il decreto sulle liste d'attesa. Dalla destra solo misure spot"

Sereni: “Senza assunzioni nella sanità nulla potrà cambiare, così il governo illude chi non riesce a curarsi”

La responsabile Salute e sanità dem a Repubblica: "Fare un decreto fuffa quattro giorni prima del voto è un'offesa per chi oggi soffre e non riesce a curarsi"

Il decreto “anti liste d’attesa” è un bicchiere tutto vuoto. Si voti subito la legge Schlein

Senza coperture e senza tempi certi, un bluff elettorale. Sereni: "Solo con Legge Schlein soluzioni per cittadini e professionisti"

La sanità pubblica è al collasso: ecco le storie che Meloni non racconta al Paese

Votiamo subito la legge Schlein per portare al 7,5% la spesa sanitaria in rapporto al PIL, abbattere le liste d’attesa e mettere in campo un grande piano di assunzioni di medici e infermieri

No a decreti elettorali, il governo Meloni voti la legge Schlein sulla sanità

Sereni: Meloni non ha mai ammesso la grave crisi della sanità pubblica. Non servono decreti sulle liste d'attesa a pochi giorni dal voto, ma scelte di fondo
spot_img