spot_img
spot_img
HomeEconomia e lavoroClima, Guerra a Calderone:...

Clima, Guerra a Calderone: “Si attivi al più presto per salute e sicurezza lavoratori”
C

“Di fronte all’ondata di calore che sta colpendo il nostro paese è prioritario occuparsi della tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici, a partire da quelli costretti a lavorare all’aperto: edilizia e agricoltura, rider, camionisti, guide turistiche ect etc. E’ assolutamente necessario che già nell’incontro di martedì con i sindacati la ministra Calderone sia in grado di assicurare l’attuazione di periodi di interruzione del lavoro nelle ore più calde, e, nei casi più esposti, il ricorso a strumenti di cassa integrazione, che non devono essere affidati alla valutazione discrezionale dei datori di lavoro, ma, come per il Covid, devono scattare automaticamente, a seguito del raggiungimento di parametri oggettivi (temperatura percepita superiore a un certo grado).
 
Bisogna anche adottare misure a tutela dei produttori, che, a causa di tali sospensioni, potrebbero trovarsi a pagare penali legate ai ritardi di consegna.
 
Bisogna verificare che tutti i dispositivi di protezione, e la climatizzazione siano garantiti anche per chi lavora al chiuso. Bisogna insomma smetterla di gingillarsi in atteggiamenti negazionisti e darsi da fare con urgenza. Perché la salute dei lavoratori e delle lavoratrici è un diritto irrinunciabile”.
 
Così in una nota Maria Cecilia Guerra, responsabile Lavoro nella segreteria del Partito Democratico.

Ultimi articoli

Correlati

La sicurezza dei lavoratori prima di tutto: basta sub appalti a cascata

L'idea della segretaria dem: "Chiediamo si estenda anche al privato l'obbligo di utilizzo del contratto edile"

Pil, Misiani: “Le previsioni Ue confermano la stasi dell’economia italiana

“Le previsioni economiche della Commissione Ue confermano purtroppo la stasi dell’economia italiana. Nel 2024 la crescita sarà molto...

Stellantis, Schlein agli operai di Pomigliano: “Non siete soli. Il governo chiami l’azienda”

Il grande assente è il governo, che non ha alcun piano industriale e alcuna idea di come accompagnare il settore dell'automotive

Mercato libero, mercato tutelato e tutele graduali: come stanno (davvero) le cose per i consumatori

Non è ancora chiara l'entità della mannaia che sta cadendo sulle tasche dei consumatori sul libero mercato, o forse si, ma si continua a fare di tutto per tenerla nascosta, almeno fino alle elezioni. Di Annalisa Corrado

Industria, PD: “Dal governo preoccupante assenza di strategia, manca politica industriale”

L'industria è al centro della fase di riorganizzazione globale dell'economia e su di essa si gioca la partita del futuro
spot_img