spot_img
spot_img
HomeNotizieLa furia del governo...

La furia del governo si abbatte sulla canapa: “Cancellate l’immagine!”

Il governo italiano, con il solito supporto della Lega, sembra determinato a fare un salto indietro verso un’era di repressione ingiustificata e discriminante. L’ultima provocazione (se così possiamo chiamarla) è l’emendamento presentato dal deputato leghista Iezzi che propone di criminalizzare l’uso di immagini che rappresentino, anche in maniera stilizzata, la pianta di canapa a fini commerciali. Questo provvedimento prevede pene fino a due anni di carcere per chi osa indossare una maglietta o esporre un cartello con il logo della cannabis. Una proposta che va a braccetto con quella presentata qualche giorno dal governo e in cui si parificava la cannabis light a quella con valore di Thc sopra lo 0,6%.

“Sapete che significa?” spiega Marco Furfaro, responsabile Welfare e Contrasto alle disuguaglianze nella segreteria Pd, “Che per provare a raccattare 4 voti alle europee, chiuderanno 3.000 imprese e 15 mila lavoratori verranno licenziati. Lavoratori, tra l’altro, per la gran parte giovanissimi. E se non ci pensa lo Stato, ci penserà la mafia. Il commercio illegale dilagherà, i delinquenti brinderanno a champagne mentre i lavoratori italiani saranno licenziati e le imprese oneste costrette a chiudere. Complimenti, Giorgia Meloni. Sempre dalla parte sbagliata della storia”.

Effettivamente il settore della canapa legale, che potrebbe contribuire significativamente all’economia italiana – stimata in 1,4 miliardi di euro e 10.000 posti di lavoro, secondo Coldiretti – si trova soffocato da un approccio politico che sembra ignorare sia le esigenze economiche sia le libertà individuali. Per questo le reazioni degli operatori del settore non si sono fatte attendere: l’associazione degli Imprenditori canapa Italia (Ici) “desidera esprimere la propria ferma opposizione a qualsiasi tentativo del governo Meloni di vietare la commercializzazione della canapa industriale, un prodotto privo di efficacia drogante e quindi innocuo per la sicurezza e l’incolumità pubblica”. “La canapa – spiega il presidente dell’Ici Raffaele Desiante – con livelli di Thc inferiori ai limiti stabiliti dalle normative europee e nazionali, non rappresenta una minaccia per la salute pubblica. Numerosi studi scientifici confermano la sua sicurezza d’uso e la sua inefficacia nel produrre effetti psicotropi. Pertanto, ci chiediamo quale sia la base scientifica o logica di un eventuale divieto. Se il governo è realmente intenzionato a proteggere la sicurezza pubblica, dovrebbe considerare con maggiore attenzione sostanze ben più pericolose e dannose”. Ci dobbiamo aspettare una stretta anche sul basilico o sull’origano?

Tutto viene reso ancora più paradossale se si pensa che i nostri vicini di casa tedeschi stanno invece avviando processi di legalizzazione e regolamentazione della cannabis anche a livelli più elevati di THC.

Ma il governo Meloni è fuori dal tempo e dalla logica e continua a cercare di proibire la coltivazione e la vendita di infiorescenze, resine e olio così tanto usati in erboristeria e nella cosmetica o in prodotti artigianali. Prodotti che, lo ripetiamo, non hanno alcun effetto drogante. Incurante di ogni evidenza scientifica il ministro Adolfo Urso, rispondendo al question time, insiste: “La legge del 2016 a causa della non perfetta formulazione ha consentito lo sviluppo di un mercato secondario di prodotti derivanti dalla canapa, nonché di infiorescenze e altri prodotti contenenti un tenore di Thc sino allo 0,6%, potenzialmente idoneo a determinare l’effetto psicoattivo, anche se blando, come evidenziato da consolidata giurisprudenza in tossocologia forense. È su questo tema che l’emendamento governativo è intervenuto”.

Viene da chiedersi se ci fa o ci è.

Ultimi articoli

Correlati

Aborto, al G7 va in scena una vergogna nazionale. Meloni si scusi

Prima ancora del suo inizio, al G7 esplode il caso sulla sparizione nella bozza del diritto all'aborto. Il governo nega di averlo cancellato, ma la tensione è alta

Decaro: “Il record di voti non l’ho visto arrivare. Il Sud punisce il governo perché non dice la verità”

Il sindaco di Bari a Repubblica: "L'unico modo che conosco per guadagnare consenso è studiare, mantenere più che promettere, cercando di dire sempre la verità"

Bonaccini: “Ha vinto la squadra. Mai il Pd così unito”

Il presidente dem a QN: "Mai come ora il Pd è stato presente nei luoghi dove si discute e ci si confronta guardando negli occhi le persone"

Schlein: “Abbiamo riportato il Pd tra la gente e restituito la speranza a chi l’aveva perduta”

Elly Schlein in una intervista a Repubblica commenta il voto delle europee parlando di risultato "straordinario"

Il Pd diventa la prima delegazione nel gruppo dei Socialisti Ue

La riunione per la costituzione del gruppo è prevista per il prossimo 25 giugno
spot_img