spot_img
spot_img
HomeArchivioCome cambia l’Italia con...

Come cambia l’Italia con i nuovi diritti
C

Nuovi diritti vuole dire dire una democrazia che si aggiorna e dà risposte alle nuove aspettative dei cittadini. Il dieci per cento degli studenti italiani è nato e cresciuto qui, parla i nostri dialetti eppure non è considerato dalla legge italiano. C’è una fetta di popolazione che studia nelle nostre scuole, che contribuisce al Pil di questo Paese ricevendo in cambio poco o pochissimo. Così come cambia la società, ne cambia anche la coscienza si aprono nuove riflessioni sulla scia di fatti di cronaca e pratiche in essere negli altri Paesi.

 

Così all’interno del programma della Festa nazionale dei Diritti che si è svolta a Torino il 5 e 6 settembre, abbiamo ritenuto utile parlare dei “nuovi diritti” con le onorevoli Marilena Fabbri e Delia Murer che, coordinate dalla giornalista di Radio Radicale Giovanna Reanda, hanno potuto sviscerare i temi della cittadinanza agli stranieri e il fine vita, ricordando la vicenda di Eluana Englaro. Un momento di confronto su quanto il Parlamento sta già discutendo e su quello che ancora si può fare per rendere questo Paese più moderno e al passo con i cambiamenti.

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img