spot_img
spot_img
HomeNotizieBonaccini: "Il blocco dei...

Bonaccini: “Il blocco dei fondi per l’inondazione può fermare la crescita della Regione”
B

L’Emilia-Romagna affronta l’ennesima prova di resistenza. Dopo il terremoto è arrivata l’alluvione. “L’alluvione – spiega il governatore Stefano Bonaccini – ha causato danni per oltre 8,6 miliardi, è la stima ufficiale del governo che conferma i numeri della Regione. Ma fino a oggi dei 4,5 miliardi stanziati per i prossimi tre anni dall’esecutivo, ne sono stati effettivamente spesi nel territorio poche centinaia di milioni”.
 
“Al momento – continua – le famiglie hanno ricevuto solo i 3mila euro ‘una tantum’ di risorse immediatamente attivate dalla Protezione civile in collaborazione con i nostri uffici, mentre le imprese non sanno ancora su quanti contributi potranno contare e quando e come potranno fare domanda, come peraltro succede alle persone. Stiamo lavorando molto bene con il generale Figliuolo, ma senza soldi nemmeno lui può fare i miracoli”.
 
Per accelerare il governatore propone “l’introduzione del credito di imposta, che funzionò benissimo ai tempi del sisma, e l’appello a rendere immediatamente disponibili nelle mani del Commissario le risorse non richieste per gli ammortizzatori sociali d’emergenza e il fondo per le aziende a forte vocazione all’export: si tratta di oltre un miliardo di euro che potrebbe andare a ristorare subito i danni di famiglie e imprese. Ma il governo continua a ignorare le nostre proposte”.
 
Tempi duri in arrivo anche sul fronte dell’economia regionale: “Le stime più recenti ci dicono che l’economia regionale già a fine 2022 aveva recuperato i livelli prepandemici, ma quest’anno soffriremo il rallentamento dell’economia italiana ed europea. Nelle prossime settimane conosceremo le nuove stime per il 2023 e per i prossimi anni. I dati più recenti evidenziavano una crescita del pil reale regionale attorno al +1,1 per cento quest’anno e allo 0,8 il prossimo. Le condizioni per una crescita maggiore ci sono tutte, compatibilmente con i tempi con cui il governo sta mettendo in campo risorse e strumenti in risposta all’ alluvione”.
 
Per quanto riguarda l’aiuto che può arrivare in questa situazione dai fondi del Pnrr e dai fondi europei di Sviluppo e coesione: “Sono fondamentali, da mesi abbiamo individuato le priorità e investito su progetti e programmi in grado di promuovere chi fa impresa, di creare posti di lavoro di qualità. E’ inaccettabile qualsiasi ritardo sul Pnrr da parte del Governo o il blocco dei fondi Fsc”, ha concluso Bonaccini.

Ultimi articoli

Correlati

Approvato il voto per i fuori sede, Pd: grande soddisfazione ma non basta

Eravamo rimasti fra i pochi in Europa a non aver ancora regolamentato il voto degli italiani che, per...

Impennata dei minori detenuti, la giustizia minorile non meritava il dl Caivano

Presentato il settimo rapporto Antigone sulla giustizia minorile. Serracchiani: "Hanno stravolto il processo minorile"

Al via finalmente il processo Regeni: una giornata importante

Noi continuiamo a stare a fianco della famiglia nella ricerca di verità e giustizia
00:54:55

Direzione Pd, la relazione di Elly Schlein: “Senza di noi nessuna alternativa alla destra”

Direzione nazionale del Partito Democratico, la relazione introduttiva della Segretaria Elly Schlein. Crollo Firenze: serve nuova cultura del lavoro "Il...

La sicurezza dei lavoratori prima di tutto: basta sub appalti a cascata

L'idea della segretaria dem: "Chiediamo si estenda anche al privato l'obbligo di utilizzo del contratto edile"
spot_img