spot_img
spot_img
HomeNotizieBoccia: "Calderoli arrogante, ha...

Boccia: “Calderoli arrogante, ha azzerato il dialogo ora la sua Autonomia è impraticabile”

Sull’autonomia differenziata Roberto Calderoli si è mosso come un “elefante nella cristalleria”, dice a “La Stampa” Francesco Boccia, capogruppo del PD al Senato, gia’ ministro per gli Affari regionali e le Autonomie nel secondo governo Conte. Boccia non ha gradito l’attacco ai quattro ‘saggi’, che si sono dimessi dal comitato per l’individuazione dei Lep: “è grave e sgradevole”, tanto piu’ se mosso da chi, fin dall’inizio, si è mosso “con arroganza, rompendo il dialogo con Regioni ed enti locali”.
&nbsp
Secondo il senatore le dimissioni di Amato, Gallo, Pajno e Bassanini sono la pietra tombale sulla riforma: “Calderoli deve capire che serve un cambiamento totale della sua impostazione. è stato lui a rompere il tavolo della Conferenza Stato-Regioni e della Conferenza unificata, interrompendo il percorso condiviso che avevamo avviato nel 2020 con il governo Conte 2. Lui ha riportato le lancette indietro di anni, a prima del referendum del 2017, ma non ha capito la questione centrale”.
&nbsp
“Non puoi attuare l’articolo 116 della Costituzione sganciato da tutto il resto – continua – lo avevamo avvertito subito. Ha provato a coprire i problemi con i nomi illustri, inventandosi il comitato per i Lep, al quale in buona fede tutti hanno aderito, anche per la figura di garanzia del presidente Sabino Cassese. Poi si sono resi conto che la strada non è praticabile”.
&nbsp
Calderoli ritiene abbiano subito pressioni politiche: “Far passare per figure di parte personalita’ istituzionali di questo spessore, che rappresentano un pezzo della storia italiana, è molto grave, oltre che sgradevole e ingeneroso. Semplicemente, a un certo punto, è caduta la maschera su un disegno di legge che noi abbiamo definito ‘spacca Italia’, contro il quale il PD terrà un’iniziativa il 14 e 15 luglio a Napoli. Per dirne una, vogliono cambiare le regole sui servizi essenziali per i cittadini con un Dpcm, valido per anni, quando proprio loro durante la pandemia ci attaccavano per i Dpcm anti Covid che duravano solo 20 giorni”.
&nbsp
Anche i presidenti di Regione del PD, da Bonaccini a Giani, secondo il ministro hanno cambiato idea su ordine di Elly Schlein: “Altra falsita’, è ridicolo solo pensarlo. Calderoli prenda atto che quello divisivo è lui. Ai miei tempi, tutti i presidenti di Regione sostennero il progetto dell’autonomia, da Luca Zaia a Michele Emiliano. C’era condivisione anche grazie al lavoro di Stefano Bonaccini. E nella mia commissione, oltre a noti giuristi, sedeva un certo Roberto Maroni, che si rivelò decisivo per agevolare un ragionamento unitario”.
&nbsp
“Il punto di fondo – conclude Boccia – è che noi garantivamo un fondo di perequazione: la lotta alle diseguaglianze non la puoi fare senza risorse. Un riforma epocale come questa è impossibile a spesa invariata per lo Stato. è la prova provata di un disegno secessionista, che favorisce chi sta meglio. Mentre, per dare davvero garanzie a tutti, serve un fondo da 80-100 miliardi“.

Ultimi articoli

Correlati

Aree Interne: Pd, anziché fare quiz, Fitto risponda alle domande e sblocchi i finanziamenti

“Dopo quasi due anni dalla nascita del Governo Meloni, qualcosa si muove sul fronte della Strategia Nazionale Aree...

I bambini in carcere sono una vergogna da cancellare

I parlamentari Pd in visita a Rebibbia: i nostri emendamenti al decreto carceri per umanizzare le carceri e liberare finalmente i bambini

Per le aggressioni neofasciste troppa impunità. Con la destra al potere escalation di violenza

Schlein: "Solidarietà e vicinanza al cronista Joly. Cos'altro aspettiamo per sciogliere le organizzazioni neofasciste? Meloni intervenga"

La divisione del governo italiano su Von der Leyen mostra la sua totale irrilevanza

La segretaria Schlein in piazza a Genova con le altre opposizioni: "Cosa aspetta Meloni a chiedere le dimissioni di Toti?"

Schlein: Sulla sanità Meloni dia risposte e si ricordi che è al governo

La segretaria del Pd replica a Ciriani: "Il ministro lavori per trovare soluzioni condivise. La nostra proposta è semplice, e resta sul tavolo"
spot_img