spot_img
spot_img
HomeArchivioBellanova: «Si rischia di...

Bellanova: «Si rischia di svilire questa forma di lotta»
B

Braccia conserte per la Giornata internazionale della donna. Teresa Bellanova, viceministro dello Sviluppo Economico, cosa pensa dello sciopero effettuato ieri?
«Lo sciopero è uno strumento importante che va finalizzato, almeno per la tradizione del movimento sindacale. In Italia, siamo abituati a utilizzarlo per specifiche vertenze a livello aziendale o come iniziativa politica generale. La valutazione poi devono farla i titolari del diritto di sciopero, pure all`interno delle organizzazioni sindacali. E da noi, mi pare che anche grandi confederazioni non abbiano aderito. Il fatto positivo è la riemersione di un poderoso movimento delle donne».

 

L`iniziativa rischia di svilire lo sciopero?
«È proprio per questo che credo che le organizzatrici dovranno sviluppare bene un mezzo che consenta il confronto per essere realmente incisive e non snaturare strumenti che hanno una valenza di grande rilievo».

 

Guardando anche agli effetti immediati…

«Bisogna sempre prestare attenzione alle ricadute delle proprie manifestazioni. I servizi pubblici non vengono usati da frange di privilegiati ma da cittadini e cittadine che magari non hanno altra alternativa».

 

Quali sono, secondo lei, le conquiste recenti più significative nella battaglia per i diritti delle donne?
«La legge sul caporalato equiparato a reato di mafia. Quella controle dimissioni in bianco. E il congedo di tre mesi retribuito al 100% per le donne vittime di violenza».

 

E, invece, le sfide più urgenti?
«Dare sempre più pari opportunità per far entrare le donne nel mercato del lavoro, facendo partire con maggior forza un movimento politico e culturale. Il lavoro non è solo questione di reddito e autonomia economica, ma per molte è uno strumento di identità. Se oggi l`occupazione maschile è al 67% e quella femminile al 45% significa che si deve continuare a lottare. Bisognadare più spazio alle donne pure
per portare innovazione».

 

Quali crede siano gli strumenti migliori per questa lotta?
«Occorre fare rete. Dove è una donna a decidere ci sono maggiori possibilità di ingresso nel lavoro per altre. Si deve smettere di pensare solo a se stesse e disinteressarsi della questione quando si è arrivate. Abbiamo il compito di lasciare un mondo migliore alle nostre figlie».

 

“Bocciato” lo sciopero, quali mezzi più efficaci ritiene che la gente abbia per far sentire la propria voce?
«Ho visto piazze colorate e molte manifestazioni, donne riunite non per scioperare ma per discutere. La presenza lì disegna la necessità di avere sempre più luoghi
per il dialogo».

 

Non tutte però possono concedersi il “lusso” di manifestare…
«Se si costruisce un grande movimento ognuna partecipa con la propria condizione. Ciò che conta è che non sia fatto di avanguardie. Bisogna riuscire ad
avere parole d`ordine che facciano rete».

Ultimi articoli

Correlati

Primarie PD: i risultati definitivi

La Commissione nazionale per il Congresso rende noti i dati definitivi sull'affluenza alle Primarie del 26 febbraio e...

PD, oggi alle 15 il passaggio di consegne Letta-Schlein

Si svolgerà oggi alle 15 nella sede del PD di Via Sant’Andrea delle Fratte 16 il passaggio di...

Buon lavoro Elly Schlein

“Il popolo democratico è vivo, c'è ed è pronto a rialzarsi con una linea chiara. Ce l'abbiamo fatta,...

Roggiani, affluenza attorno al milione di votanti

​​​​​"Mancano ancora i dati di alcune regioni e di alcune città, ma possiamo dire che l'affluenza si aggirerà...

Vota per un nuovo Partito Democratico

Domenica 26 febbraio si vota per la nuova segretaria o il nuovo segretario del PD. I seggi saranno aperti...
spot_img